L’emozione di un gesto gentile: c’è vita sulla terra

di Raffaella Troili
Trovato questo portafogli al mercato di piazza Epiro. All’interno un bancomat intestato a L.T. forse di una persona anziana
Valerio Jerry

Indimenticabile la scena, eppure il film era finito. Ma «che emozione» ripete Gabriella, quel che è successo nella sala di viale delle Province non lo dimenticherà presto: tutti con i telefonini accesi, donne e uomini pure di una certa età inginocchiati sotto le poltrone a cercare il suo portafogli. E quell’altro, «più contento di me» che le è corso incontro dalla biglietteria, «ce l’ho io, l’ha lasciato una signora prima di andarsene». Era così avvilita, si è trovata in una sala dov’era concentrata così tanta generosità da metterla a disagio. Storie che riconciliano con il prossimo, qualcuno ci tiene a distinguersi. Anche Monica, tra un pensiero e una corsa, ha fatto caso a quel ragazzo che le ha regalato i pasticcini nel bar, che la volta precedente si era ricordato la pizza che le piace e l’aveva messa in forno, galanterie a cuor leggero, che fanno contenti per primi gli autori. «Perché lo fa? Perché gli sorrido, è bravo».

Un sorriso tira l’altro, un complimento per il lavoro ben fatto che sia il garzone, il barista, il tassista, innescano inattesi momenti magici. Valerio ha trovato un portafogli al mercato di piazza Epiro, nero di pelle sgualcita, la cerniera di metallo, classico di un’anziana, c’erano dei numeri scritti su un foglietto, ha chiamato ma niente intanto l’ha postato su Fb, chiesto consiglio, finché il caso si è risolto, i familiari della signora hanno risposto. Pure Valerio poteva tirare dritto, senza prendere in considerazione di passare pure in commissariato, insomma farsi i fatti suoi. Invece c’è vita sulla terra.
Mercoled├Č 14 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP