Roma segreta, quella chiesetta e la sua scimmia

di Fabio Isman
Tra il Collegio Romano e le vie del Seminario e del Gesù, c'era l'Iseo Campense: un vasto santuario di Iside, di 220 per 70 metri, da dove proviene, ad esempio, una delle sei statue parlanti in città, su cui venivano appesi i motti ironici del popolo, la cosiddetta di Madama Lucrezia, ora all'angolo tra piazza Venezia e la basilica di San Marco, che in realtà raffigura Iside Sothis, nome nato dalla fusione di due dee, l'altra è Sirio. Nella zona del tempio resta ancora il grande piede di marmo di...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 4 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:03

© RIPRODUZIONE RISERVATA

QUICKMAP