Truffa dei rimborsi, sequestrati 7,3 milioni a tre cliniche romane

Per quattro anni avrebbero ottenuto dal Servizio sanitario regionale il tetto massimo di rimborsi consentito per prestazioni domiciliari sanitarie e parasanitarie a malati terminali, anche senza aver raggiunto lo stesso tetto di visite necessarie per usufruire dell'intero ammontare. Un «surplus» di sette milioni e 300 mila euro che ora la procura di Roma ha recuperato con un sequestro per equivalente da conti correnti eseguito dai carabinieri del Nas.

Un servizio, quello dell'Hospice, offerto dalle cliniche private a malati terminali: quando non ci sono posti a disposizione l'assistenza sanitaria e parasanitaria si svolge nelle abitazioni dei pazienti. Al centro dell'inchiesta del pm Alberto Pioletti tre cliniche della capitale: Villa speranza, Fondazione Roma e Sant'Antonio da Padova. Quattro gli indagati per truffa: si tratta di amministratori delle tre strutture in carica nel periodo 2011-2015.

L'inchiesta ha preso le mosse dall'esposto di un medico di una delle tre cliniche. In particolare, i Nas, dopo aver accertato che il servizio sanitario aveva provveduto a rimborsare un numero di servizi domiciliari superiore a quelli effettivamente eseguiti, hanno sequestrato 2 milioni e 800 mila euro dai conti di Villa Speranza, 1 milione 800 mila euro da quelli di Fondazione Roma e 2 milioni e 600 mila euro presso i conti della casa di cura Sant'Antonio da Padova. Coinvolti nelle attività di sequestro anche conti personali dei quattro indagati. Due di questi si sono avvicendati, nell'arco di tempo preso in esame dalla procura, a Villa Speranza.

Non sono rare le inchieste della magistratura capitolina su rimborsi chiesti illecitamente da strutture private sanitarie. Il caso più roboante, se non altro per la dimensione del danno, decine di milioni di euro, a carico del Servizio Sanitario, rimane certamente quello di Anna Iannuzzi, al secolo «Lady Asl». In quel caso emerse non solo l'erogazione di rimborsi percepiti indebitamente dalle strutture riconducibili alla donna ed al marito Andrea Cappelli, ma anche un sistema di corruzione che coinvolse funzionari pubblici. Più recentemente il caso dell'ospedale israelitico dove, per attraverso la produzione di false attestazioni sarebbero state gonfiate richieste di rimborso per 7,5 milioni di euro.

Fondazione Roma sottolinea di essere menzionata «in maniera del tutto non rispondente. La vicenda è riconducibile infatti alla Fondazione Sanità e Ricerca, per una presunta truffa perpetrata ai danni del Servizio Sanitario. Fondazione Sanità e Ricerca, al contrario, ha sempre improntato la sua condotta al rispetto delle regole ed alla massima correttezza e trasparenza. La Fondazione Sanità e Ricerca fornisce servizi socio-sanitari senza fini di lucro, prestando assistenza, oltre che in cure palliative (come centro accreditato con il Servizio Sanitario Regionale), anche a malati di Alzheimer e di SLA a titolo completamente gratuito, senza alcun onere a carico né dei pazienti né della Regione Lazio. La Fondazione Sanità e Ricerca, pertanto, esclude che possano essere ravvisate responsabilità a suo carico. Certi della estraneità alle responsabilità indicate dagli organi di Stampa, si confida nell’operato della Magistratura e nella pronta definizione della vicenda».
Lunedì 20 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-11-20 14:25:33
Che pacchia pef queste cliniche private, si arricchiscono rubando la salute della gente perché sono soldi sottratti al pubblico, con la Lorenzin ministro della non sanità pubblica tutto è possibile.
2017-11-20 15:00:55
Lorenzin?? siete i solti populisti, almeno leggi bene la notizia, ruberie perpetrate dal 2011 al 2015...e in ogni caso la sanità del Lazio sta sotto il controllo della regione e non del governo, non sapete neanche quello che dite...blaterate a vuoto
2017-11-20 15:57:58
Egregio lei, sappi che l'indirizzo e fondi li distribuisce lo stato, per quando riguarda il periodo mi riferisco a quello attuale che è anche peggiorato al confronto 2011/2015, con la Lorenzin.
2017-11-20 18:36:03
va beh...hai preso buca e provi a rigirare la frittata...riprovaci ...non si sa mai...lolol
4
  • 158
QUICKMAP