Roma, alla fontana di Trevi spuntano i cartelli contro i tuffi: «Non siete Anita Ekberg»

di Mauro Evangelisti
Ore 16, Fontana di Trevi, risuonano i sibili dei fischietti. Quattro vigili urbani, fissi e dunque dirottati da altri servizi, sono impegnati attorno alla Fontana di Trevi come arbitri di basket a inseguire i turisti che si siedono sul marmo (è proibito), che tentano addirittura di bagnarsi i piedi (super proibito), che mangiano il gelato (non si può sulla base della ordinanza a difesa delle fontane firmata dalla sindaca Virginia Raggi). I divieti sono sacrosanti e il lavoro dei quattro vigili è utile a difesa del...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 17 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-06-2017 10:29

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-17 16:03:53
Domani nella sua predica domenicale il Gesuita Meringato dirà così: "Frateli, lasciate bagnare nella fontana tutti gli accaldati frateli turisti provenienti da ogni parte del mondo...fa tanto caldo e il pianeta è un tutt' uno. Tutti noi siamo uniti, anzi... anitoni."
1
  • 182
QUICKMAP