Trascinata dalla metro a Roma, il macchinista aveva un doppio lavoro

di Lorenzo De Cicco
ROMA Macchinista della metro o magazziniere in una ditta di Acilia? Chissà a quale dei due mestieri, Gianluca Tonelli, dedica le sue attenzioni in modo predominante e quale pensa di esercitare, per così dire, di straforo. Difficile sapere quanta dedizione applichi mentre lavora in un'impresa di «movimentazione» di materiale edile nei pressi di Ostia; di sicuro all'Atac, il conducente indagato per lesioni dopo l'incidente del 12 luglio che ha ferito gravemente una donna di 43 anni, qualche dubbio sulla...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 22 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 23-07-2017 18:56

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 63 commenti presenti
2017-12-06 14:01:55
Le attività secondarie per arrotondare lo stipendio ci sono sempre state e, per certi livelli salariali, sono una necessità. Non debbono essere criminalizzate, se sono svolte senza conflitti, o sovrapposizioni dolose con l'attività primaria e se il reddito che ne deriva è dichiarato. Un qualche conflitto potrebbe esserci per le attività di sicurezza, che richiedono un perfetto stato di vigilanza e che prevedono perciò tempi di riposo regolamentati. L'attenzione necessaria nella condotta dei treni dipende anche dalla tecnologia dei treni stessi. Per ciò che riguarda la sicurezza della chiusura porte, esistono sistemi di diversa generazione più o meno sensibili, i più moderni rilevano l'interferenza anche di una matita, perciò quel macchinista avrebbe dovuto prestare maggiore o minore attenzione agli allarmi di chiusura porte a seconda della modernità del sistema istallato su quel mezzo. Non sappiamo se abbia fatto questa valutazione. Certo di distrazioni e di comportamenti negligenti in giro se ne vedono molti.
2017-12-06 10:33:28
Il fatto che abbia un doppio o anche triplo lavoro non significa nulla con ciò che è accaduto. Anzi, dovrebbe far pensare il fatto che questo signore, finito il turno sulla metro che comunque non è un lavoro banalissimo da svolgere, anzichè riposarsi a casa se ne va a lavorare ancora... e se uno fa così non lo fa di certo per divertimento. Sappiamo tutti, a meno di coloro che negano anche l'evidenza, che qualche soldo in più di questi tempi fa sempre comoodo e lavorare non mi sembra sia un crimine ancora...
2017-09-06 15:36:59
quindi è una bestia perché aveva il doppio lavoro!!! invece che i dispositivi di emergenza non hanno funzionato è tutto normale
2017-07-23 12:12:32
Qualcuno può spiegare il rapporto tra il doppio lavoro e le porte del metro? C'è gente che quando torna dal lavoro, cura il giardino e l'orto, da una mano in campagna ai parenti che hanno una vigna. Tutti criminali?
2017-07-23 12:01:06
Ammazza!Tutti gli autisti si sono riuniti qui!A leggerli c'è davvero da aver paura a prendere la metro!
63
  • 2,3 mila
QUICKMAP