Roma, incastrata nelle porte della metro a Termini e trascinata: la donna ha fratture multipple

È ricoverata all’ospedale San Giovanni la donna 43 enne di nazionalità bielorussa che ieri sera è rimasta ferita alla stazione Termini mentre tentava di prendere un treno della metro B direzione Laurentina. Secondo quanto si apprende la donna ha fratture in tutto il corpo ma non è in pericolo di vita. Secondo quanto ricostruito, mentre la 43enne stava tentando di salire al volo sull’ultimo vagone della metro le porte si sono chiuse trattenendo all’interno le buste della spesa che la donna aveva infilate sul braccio. Rimasta bloccata è poi stata trascinata dal treno fino a cadere. Secondo quanto si apprende sarebbe stata soccorsa sui binari. 

Il treno si è fermato alla stazione successiva, Cavour, dove il macchinista è sceso per capire il motivo per cui era stato azionato il sistema d’allarme. I passeggeri visibilmente preoccupati per la donna hanno spiegato la dinamica dell’incidente mostrandogli all’interno del vagone le buste di plastica con i manici strappati. «Abbiamo azionato i sistemi di allarme, tre diversi, - hanno spiegato alcuni passeggeri al macchinista - perché il treno non si è fermato?». «Se una persona rimane incastrata nelle porte - ha risposto il conducente - il sistema si blocca. Perciò non c’era nessuno tra le porte. Inoltre quello è un allarme non un freno, perciò mi sono fermato alla stazione successiva per vedere cosa era successo». Il treno è stato prima evacuato con un avviso audio e poi è stato comunicato che la tratta era stata sospesa per soccorso a passeggero. Sul posto è intervenuta la Polizia che ha sentito il macchinista e recuperato le buste.
Giovedì 13 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2017-07-17 10:05:27
a me capita di vedere spesso autisti cotral e atac chiacchierare animatamente dei casi loro al telefono mentre guidano.
2017-07-14 11:47:24
Prendo tutti i giorni la metro e ho l'abitudine, chiss√† perch√®, di guardare dentro la cabina di guida e quello che fa il conducente. Almeno il 40 per cento delle volte chi sta alla guida ha gli auricolari. Spesso noto che in mano ha anche il cellulare bench√® guardi i binari. Il pomeriggio che era successo l'incidente, la mia metro per√≤ era la A, l'autista aveva l'auricolare, il telefono in mano e mentre mi passava davanti, a met√† banchina circa, ha abbassato lo sguardo, verosimilmente verso il cellulare. Questa √® una piccola parentesi per dire che, se i sindacati anzich√® remare sempre contro le aziende facessero capire ai loro iscritti che prima dei loro diritti che spesso non sono nemmeno meritati, vengono il rispetto delle normali regole del buonsenso e quel senso del dovere che, grazie proprio a questa povera Italia emosindacalizzata, ormai si √® perso. Fermo restando che le portiere erano probabilmente tutte chiuse forse per via delle cornici di gomma gi√† da altri citate o perch√® le porte si sono chiuse sulla busta che la malcapitata aveva infilata nell'avambraccio, ma prima di ripartire, l'autista perch√® non ha guardato nello specchio retrovisore bello grande che c'√® ai lati della cabina di guida? lo stesso autista, da un articolo di giornale, avrebbe risposto che le manopole tirate dagli altri utenti del treno non sono freni ma allarmi. Io dico, visto che sono stati tirati pi√Ļ allarmi contemporaneamente, anzich√® continuare la corsa fino alla prossima stazione, non potevi fermare quel cavolo di treno e chiederti se forse fosse successo qualcosa di grave? Magari rispondendo all'interfono che hai in cabina per accertarti di cosa fosse successo. Si che lo potevi fare ma chi te lo faceva fare? hai hai hai sindacati belli. Io lo avrei fatto perch√® 3, 4 ,5 allarmi contemporanei per me vogliono dire qualcosa di grave, e poi ho sempre avuto le palle di prendermi responsabilit√† che non mi competevano primo per amor proprio, poi per il rispetto di chi riceve i servizi per cui vengo pagato e poi per l'azienda che mi paga, consapevole che se sbagli pago io.
2017-07-13 15:33:49
mentre tentava di salire al volo le porte si sono chiuse, diciamo che le porte si stavano chiudendo e lei tentava di entrare, mossa azzardata. però il macchinista non dovrebbe partire quando tutte le porte sono completamente chiuse? Cioè non ha un segnale che le porte si sono chiuse e che poi può partire?
2017-07-13 14:55:40
@ In genere le porte dei mezzi di trasporto hanno la gomma, che si flette se trattiene un braccio, pur rimanendo in posizione di chiusura.
2017-07-13 14:45:05
la signora non voleva mollare la spesa...
20
  • 507
QUICKMAP