Morte nella favela del Flaminio, gioiello della Roma abbandonata

di Claudio Strinati
Certi luoghi non muoiono solo in quanto edifici, ma possono diventare contenitori di morte veri e propri. Il caso, gravissimo in sé, riguarda lo stadio Flaminio di Roma, una grande opera d’arte firmata da Pier Luigi e Antonio Nervi ma anche un’opera pubblica per il valore che ha nel mondo dello sport. Il caso del Flaminio è sotto questo aspetto simbolico e genera una riflessione su quelle che possono essere le responsabilità delle amministrazioni pubbliche, a tutti i livelli, comunali e statali. Meditando su...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 3 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:16

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-03 13:13:52
Cari concittadini,smettiamola di fare i menefreghisti,la città fa salvata dalle mani di questa incapace,non ho mai visto tanta superficialità in oltre 70 anni ,la citta è in pieno degrado, invece di lavorarci,sono 20 mesi, in Campidoglio 'litigano'con un Ministro !
1
  • 8
QUICKMAP