Roma, tentano di truffare le poste con assegni clonati: denunciate madre e figlia di Napoli

Madre e figlia in trasferta da Napoli a Frascati per versare un assegno clonato alle Poste. Le due donne sono state denunciate per truffa. È stato il Direttore dell'ufficio postale di Frascati, ad allertare il commissariato. L'attenzione dell'uomo, è stata attirata dalla presenza di due donne che si sono presentate allo sportello per versare un assegno bancario, emesso da una compagnia di assicurazioni, in un conto corrente a loro intestato. 

Da una attenta e scrupolosa verifica, l'impiegato ha accertato che l'assegno era stato abilmente clonato. I poliziotti hanno identificato le due signore, E.R.,63enne di Napoli e la figlia, E.F., 36enne e, approfondendo gli accertamenti, sono risaliti alla truffa che ormai da mesi, mamma e figlia portavano avanti. La tecnica messa a punto, consisteva nell'intercettare, attraverso una fitta rete di complici, gli assegni in spedizione da parte delle compagnie assicuratrici, riuscendo a clonarli e, ad incassarli prima che i legittimi beneficiari potessero farlo. Con questo sistema, le truffatrici partenopee erano riuscite ad incassare una somma di quasi 30.000euro. Per entrambe, è scattata la denuncia in stato di libertà per il reato di concorso in truffa e ricettazione, ed è stato emesso il provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio.
Giovedì 7 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:11

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-12-08 14:29:42
...............Per entrambe, è scattata la denuncia in stato di libertà............... ma che buffonate!!!
2017-12-08 14:03:17
Cito " rimpatrio con foglio di via obbligatorio. " FINALMENTE, qualcosa si muove allora! Peró, considerando che tra non molto é Natale, mi domando se queste due "signore" si presenteranno al processo! Voi ci credete a Babbo Natale? Io NO!
2017-12-08 13:30:57
Stato di libertà? Come esempio si dovrebbero mettere all'Asinara per un paio di anni prima di fargli il processo.
2017-12-07 14:04:48
pene sempre troppo lievi per balordi e criminali
2017-12-07 13:00:19
Chissà come facevano a possedere dati secretati? Dietro ci dev'essere un informatore da scovare.
7
  • 61
QUICKMAP