Pertini, il giallo degli embrioni spariti: due biologi rischiano il processo

di Adelaide Pierucci
Più dimenticanze forse. Coperte, ogni volta, con un falso nella cartella clinica. Due biologi in servizio fino al 2014 nel Centro di procreazione medicalmente assistita del Pertini in tre circostanze hanno attestato sulla schede biologiche di altrettante aspiranti mamme che erano stati costretti a smaltire gli embrioni perché danneggiati durante la fase di scongelamento. Ma non era vero. Si è scoperto poi, che gli embrioni, invece, giacevano nel fondo dei contenitori di azoto liquido del centro, conservati a meno 190...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 19 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 10:56

© RIPRODUZIONE RISERVATA
  • 56
QUICKMAP