Roma, sigilli in un bar trasformato in discoteca: irregolarità e rumori

Blitz la scorsa notte in un noto bar di via di San Saba trasformato in discoteca. I carabinieri  della stazione Aventino e degli agenti della polizia locale  dopo numerose segnalazioni da parte dei residenti del quartiere sono intervenuti per mettere i sigilli al locale.

Al legale rappresentante del locale, un romano di 43 anni denunciato per resistenza a pubblico ufficiale dopo essersi opposto alle richieste di mostrare i documenti,  sono state contestate diverse violazioni: disturbo del riposo delle persone, mancanza di autorizzazione per il ballo, irregolarità nella somministrazione delle bevande in quanto effettuata su suolo pubblico, nell’emissione sonora e nel trattamento dei cibi. Fuori norma anche il sistema antincendio. Al termine delle verifiche, i carabinieri e gli agenti hanno apposto i sigilli alla struttura e inoltrato la proposta di revoca della licenza di esercizio dell’attività. Sono in corso accertamenti sulla struttura di vetro e metallo presente nel cortile, per l’idoneità urbanistica.
Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-09-13 20:42:25
ignoranza, prepotenza, sottosviluppo.
2017-09-13 19:36:29
un romano che si è opposto alle richieste di mostrare i documenti? strano eppure i coatti che si credono i padroni del mondo qua a Roma non si vedono per niente in giro. Bene hanno fatto a contestargli tutte quelle violazioni così impara a mettersi contro la legge, contro le autorità e contro la cittadinanza che vive in quella zona.
QUICKMAP