Roma, adesivi di Anna Frank all'Olimpico: la procura verso la chiusura delle indagini

Per gli adesivi di Anna Frank in maglietta giallorossa, comparsi lo scorso ottobre nella curva sud dello stadio Olimpico dopo la partita tra Lazio e Cagliari, 14 ultrà biancocelesti rischiano di finire sotto processo. Il procuratore aggiunto Francesco Caporale, titolare del fascicolo in cui i tifosi sono indagati per istigazione all'odio razziale, si appresta a chiudere l'inchiesta. Poi, gli indagati avranno venti giorni di tempo per farsi interrogare o per depositare in procura una memoria difensiva. Gli indagati erano stati identificati dagli agenti della Digos grazie ai filmati delle telecamere di sorveglianza dello stadio. Tra loro anche un minorenne. Alcuni dei tifosi finiti nel mirino della procura sono legati a movimenti dell'estrema destra romana.
Venerdì 9 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:59

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-09 19:48:30
Giusto, giustissimo. Pene esemplari!!!! Però lo stesso metro di misura va applicato anche a coloro che, due anni fa, stamparono e attaccaroni simili adesivi con la maglia della Lazio. Altrimenti si rischia sempre di fare due pesi e due misure. Quando si tratta di razzismo nel calcio, se non c'è almeno un laziale di mezzo, nessuno ne parla.
QUICKMAP