seguici su Google+ RSS
Mercoledì 23 Luglio - agg.1:32
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Roma

Assalto al portavalori, dai telefonini
ricostruiti i ruoli dei rapinatori

di Riccardo Tagliapietra

ROMA - Due telefonini. È tutto ciò che hanno in mano gli investigatori dei carabinieri e che resta da esaminare per completare le indagini sulla sanguinosa rapina di venerdì scorso all’Esquilino.
Uno lo aveva in tasca Giorgio Frau, 56 anni, il bandito morto davanti alla filiale della banca Popolare di Sondrio in via Carlo Alberto, l’altro cellulare era in un cassonetto dove i due banditi del commando, Claudio Corradetti, 41 anni, e Massimo Nicoletti, 34, avevano gettato caschi e giubbotti prima di tentare la fuga verso piazza Vittorio. Saranno i tabulati al vaglio degli investigatori a dover chiarire e scongiurare definitivamente la presenza di basisti o altri appartenenti al commando che ha assaltato l’istituto di credito proprio mentre un equipaggio del gruppo Fidelitas stava trasbordando dalla banca un pacco con centomila euro.

LE AMMISSIONI
Ricostruiti dai militari e dal magistrato, i ruoli dei tre banditi, divenuti più chiari dopo alcune ammissioni di uno dei rapinatori. Il commando sarebbe stato guidato da Giorgio Frau, l’ex brigatista vestito da postino, che una volta preso il pacco con i soldi sarebbe dovuto fuggire in sella al motorino, con cui aveva simulato il guasto al motore proprio davanti alla banca. Un tranello che non aveva sorpreso le guardie giurate di lunga esperienza, il cui occhio allenato aveva «sgamato» Frau. Claudio Corradetti, invece, ex militante dell’estrema destra, già al centro di vicende simili, avrebbe dovuto occuparsi della seconda guardia giurata, scesa in strada per coprire le spalle al collega con i soldi. Massimo Nicoletti, infine, era il cosiddetto «palo». Per lui un compito di retroguardia: tenere a bada l’ultimo vigilante sul furgone e impedirgli di uscire dal mezzo blindato. Una volta ottenuti i soldi, il commando doveva far perdere le proprie tracce attraverso le strade cittadine, dove probabilmente sarebbero stati abbandonati i mezzi rubati. Ma le cose non sono andate come il commando aveva progettato.

LA POLEMICA
S’infiamma anche la polemica sindacale delle guardie giurate, con Vincenzo Del Vicario del Savip, che rilancia il ruolo della sicurezza, richiamando una direttiva del 1995 della questura di Roma, che spiegava la necessità di «riservare aree per la sosta dei veicoli per il trasporto valori davanti alle banche, agli uffici postali e ai supermercati, per favorire le operazioni di carico e scarico e ridurre il rischio-marciapiede». Una lettera, fino a oggi, dimenticata.

Martedì 05 Marzo 2013 - 12:33
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Addetti alle pulizie trovano un pupazzo "impiccato" in una casa e lo gettano nella discarica: ma era un cadavere

Non hanno avuto nemmeno un dubbio. I due addetti di una società di pulizie che si sono trovati davanti...

«Chiama il mio fidanzato», e Siri risponde: «Quale dei due?». L'iPhone inguaia la ragazza infedele

Siri è un noto software che grazie al riconoscimento vocale aiuta in molte situazioni, ma in una...

Papà trova babysitter che abusa del figlio Lo picchia a sangue, poi chiama la polizia

Lo ha picchiato così forte da farlo svenire. Poi ha chiamato la polizia: «Sono tornato a casa e...

Ilaria d'Amico e Gigi Buffon, coccole in alto mare: ecco le foto della loro fuga d'amore in Grecia

L'amore tra Ilaria d'Amico e il portiere della Juventus Gigi Buffon naviga in acque sicure. Ecco le...

In metropolitana c'è il pizzo sul biglietto: macchinette presidiate da gruppi di rom

Sputi ai turisti, estorsioni, guardie giurate minacciate e ferite con le penne negli occhi.

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009