Omicidio Roma, viaggio nelle dark room frequentate dai killer

di Marco Pasqua
L'ingresso di quello che sul web viene definito “primo e unico club transgender d'Italia” è un piccolo portoncino, defilato tra due palazzi color crema e caffè, a due passi da piazza Re di Roma. Condominio signorile, dove chi condivide le mura con uno dei locali più trasgressivi della capitale sembra essersi abituato al via vai nelle ore notturne (fino all'alba). I clienti escono dalle loro auto già travestiti, tacchi a spillo, parrucche e audaci gonne aderenti. Tre settimane fa, si era affacciato anche Marco Prato. Anche lui è stato visto entrare en travesti. Perché in questo locale, se si vogliono rimorchiare gli eterosessuali – che erano il pallino del presunto killer di Luca Varani – bisogna necessariamente vestirsi da donna e fare concorrenza alle trans che arrivano da ogni parte di Roma.

POCHE PAROLE Ingresso a 35 euro, tessera obbligatoria (il club è privato), poco spazio per parlare, molto per concludere. Chi scende le scale di questo ritrovo, utilizzato anche dagli scambisti, sa di entrare in un fast food del sesso. Locale angusto, claustrofobico, un bar, un palo per la lap dance e poi il punto forte: i camerini. E' qui che si consumano i rapporti, mordi e fuggi, zero convenevoli, perché anche chiedere un nome può essere maleducato. «Non voglio conoscere, voglio fare sesso. Se vengo qui è perché voglio un corpo», racconta G., uno dei clienti (sedicenti eterosessuali) di questo club. Alcuni vengono visti girare con una bottiglietta d'acqua semi-vuota: l'hanno riempita di Ghb, la droga dello stupro. Aiuta ad abbassare le inibizioni sessuali. Per fare sesso senza pensare troppo. Come nell'altro club privato, dietro alla fermata metro San Giovanni. Anche qui piano seminterrato, un piccolo bar e, nel retro, un grande labirinto, con camerini e dark room. Niente luci, ci si accoppia senza vedere nulla. Alcuni ragazzi – età media sopra i 30 anni - sono già stati in altri club, in un tour del sesso seriale e randomico. «Giriamo per vedere dove trovare la merce migliore», racconta un ragazzo fan del “chem-sex”. Ovvero del sesso consumato dopo aver assunto droghe. Dalla cocaina all'MDMA, la droga dell'amore (ma l’amore è una metafora). A sette chilometri di distanza, alla Magliana, c'è il tempio degli after hour. Un capannone con giardino, ingresso dalle 5.30, quando i corpi sono già saturi di droga e carichi di adrenalina. Ci sono trans, etero e gay, tutti cercano qualcosa.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 9 Marzo 2016 - Ultimo aggiornamento: 09:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2016-03-09 09:56:59
il legislatore assenteista, parassita e indifferente verso i fenomeni criminali é moralmente colluso e responsabile della criminalità dilagante
2016-03-09 11:04:01
che schifo!
2016-03-09 12:23:25
Tutti scandalizzati nei commenti. Poi quando il legislatore li becca se lamentano
2016-03-09 13:18:04
Che putredine.
2016-03-09 13:54:50
Vomitevole. Scommettiamo che tra i clienti piu' assidui di questi porcili ci sono i figli/e (e i padri/madri) della cosiddetta Roma bene ?
9
  • 1584
QUICKMAP