Castel Fusano, «Gli incendi causati dal racket della prostituzione»

di Michela Allegri
Il racket della prostituzione, dello sfruttamento. E una formula tipica della malavita: incendi appiccati per intimorire, per costringere prostitute e transessuali a rivolgersi al gruppo di magnaccia che da tempo gestisce il giro del sesso all'interno della pineta di Castel Fusano, devastata per più di 200 ettari dalle fiamme. Nell'ordinanza con cui convalida l'arresto dell'ultimo piromane finito in manette, Claudio Marson, il gip Giuseppina Guglielmi tratteggia i contorni dell'organizzazione. Sono almeno quattro i...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 8 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-08-2017 08:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2017-08-08 18:44:59
Ci sarebbe la pena di morte...!
2017-08-08 15:34:05
Se questa è la verità dei fatti dovrebbero dare l'ergastolo ai responsabili, e qui mi fermo perché pene maggiori purtroppo non possono essere applicate in Italia. Il dato sconvolgente è che le prostitute continuano ad esercitare indisturbate giorno e notte, mentre alle famiglie, alle persone anziane, agli sportivi, è stato impedito l'accesso all'unica oasi verde della zona. I responsabili meritano il massimo della pena, ma la responsabilità di questo scempio va attribuita anche alla classe politica che ha permesso la colonizzazione della pineta da parte di prostitute e sbandati di ogni tipo che hanno costruito vere e proprie favelas. Le elezioni al X Municipio si avvicinano, mi auguro che i residenti tengano conto di tutto ciò e facciano pulizia di chi ha portato Ostia e zone limitrofe allo sfacelo, dando fiducia a chi si batte contro il degrado e si impegna a fare ordine e pulizia.
2017-08-08 13:34:58
Certo solo in un paese come il nostro possono succedere cose del genere, gente che vive in baracche dentro un parco pubblico, prostitute che scorazzano dentro senza che nessuno gli dica niente, vigilanza assente, un omicida libero dopo pochi anni che da fuoco alla pineta dove aveva ucciso una prostituta. Pazzia pura. Ma i nostri gonvernanti che fanno oltre a chiacchierare sulla spiaggia di Capalbio, con la scorta, su quanto sono razzisti gli italiani?
2017-08-08 15:36:14
La raggi muta su tutto, la sinistra avrebbe in pi√Ļ messo dei migranti all'interno del parco
2017-08-08 12:17:07
I piromani papponi sono criminali. Gli " utilizzatori finali" non mi sembrano - almeno moralmente - esenti da responsabilità. Senza domanda non c'è offerta. P. Diamante Roma
26
  • 178
QUICKMAP