Roma, anziana dimenticata muore l'infermiera rischia il processo

di Michela Allegri
Non poteva respirare da sola: trascorreva le giornate in un letto, attaccata alla bombola d'ossigeno. La signora Lucia, 60 anni, gravemente malata, non poteva nemmeno camminare. Una mattina ha chiesto a un'infermiera in servizio all'ospedale Israelitico, dove era ricoverata per un tumore, di accompagnarla in bagno. Quel giorno è morta da sola, accasciata accanto ai sanitari. L'operatrice, infatti, si sarebbe dimenticata della paziente, staccando dal turno senza avvisare i colleghi. Ora, rischia di essere indagata per abbandono d'incapace.

L'ha stabilito il giudice monocratico al termine del processo che vedeva l'infermiera a giudizio per omicidio colposo. I periti, infatti, hanno concluso che tra il decesso e il comportamento dell'imputata non ci fosse una relazione evidente: probabilmente, Lucia sarebbe morta lo stesso. Il pm ha comunque chiesto che l'imputata fosse condannata a un anno di reclusione. Ma il giudice, accogliendo la ricostruzione dell'avvocato di parte civile, Alessandro Gentiloni Silveri, ha rimandato gli atti al pm, riaprendo l'indagine con la nuova imputazione. Erano stati i vertici del nosocomio a sporgere denuncia.

IL FATTO
Il 2 ottobre 2011, Lucia è ricoverata nel reparto di oncologia: ha un tumore e soffre d'insufficienza respiratoria. Alle 6,45 ha bisogno di andare al bagno, suona il campanello. Arriva l'infermiera, che l'accompagna ai servizi, ma poi la donna smonta dal turno e dimentica di compilare il registro delle consegne. Lucia resta sola.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 26 Giugno 2016 - Ultimo aggiornamento: 27-06-2016 18:19
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2016-06-27 10:11:26
Il problema principale dell'assistenza sanitaria ospedaliera è l'insufficienza dei meccanismi di selezione del personale: come in altri settori la scelta è spesso determinata da clientelismo, con il risultato di far lavorare nell'assistenza alla persona individui del tutto carenti dei requisiti e della motivazione necessari.
2016-06-26 19:29:02
Rischiaaa ..?
2016-06-26 13:30:11
Morire nel cesso. E ci chiamano razza umana!
2016-06-26 12:13:10
Uhm...all'ospedale Israelitico non andrei neanche per togliermi un callo.
2016-06-26 11:59:31
Rischia? Perchè non dovrebbe essere una certezza. Troppa approssimazione nel lavoro, spesso non si vede oltre il proprio naso.
8
  • 1,2 mila
QUICKMAP