Roma, Campidoglio: ipotesi giudizio immediato per Marra

Sulla vicenda della presunta corruzione che vede indagati l'ex capo del personale del Comune di Roma, Raffaele Marra, e l'imprenditore Sergio Scarpellini, gli elementi raccolti avrebbero fatto maturare la certezza della responsabilità dei due e ciò potrebbe, a questo punto, anche portare gli inquirenti a chiedere al gip il giudizio immediato. Si tratta di un rito che consente di saltare l'udienza preliminare portando il processo direttamente in aula.

Oggetto del procedimento i soldi che Scarpellini avrebbe dato a Marra per l'acquisto di due appartamenti a Roma. In particolare i 370 mila euro serviti nel 2013 all'ex braccio destro della Raggi per comprare una casa nella zona di Prati Fiscali. Si tratta di denaro che, secondo l'impianto accusatorio, era funzionale all'imprenditore per l'ottenimento di favori.

È stato interrogato per circa 3 ore in Procura l'imprenditore Sergio Scarpellini agli arresti domiciliari dal dicembre scorso per una vicenda di corruzione che vede coinvolto anche l'ex capo del personale del Comune di Roma, Raffaele Marra.

Si tratta del terzo interrogatorio a cui si sottopone l'immobiliarista. L'atto istruttorio si è svolto nell'ufficio del Pm Barbara Zuin, titolare dell'indagine. Scarpellini era assistito dai suoi avvocati, Remo Pannain e Nicoletta Piergentili. Secondo il Pm, l'immobiliarista avrebbe pagato a Marra due immobili, uno nel 2009 e l'altro nel 2013. Scarpellini finì in carcere il 16 dicembre scorso assieme all'ex capo del personale del Campidoglio ma alcuni giorni dopo ha ottenuto gli arresti domiciliari.

 
Mercoledì 15 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 16-02-2017 08:47

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-02-16 17:30:52
L'aggravante di Marra è quella di essere pubblico ufficiale. Forse è questa la ragione di rimanere in carcere.
2017-02-16 16:07:47
Anche la sede del Nazareno. Sulla scrivania dei pm Paolo Ielo e Barbara Zuin ieri c’erano – per la seconda volta – una sfilza di contratti di affitto. E una serie di domande da rivolgere a Sergio Scarpellini, noto anche come “l’immobiliarista della casta”. E così, passando dal centrodestra al centrosinistra, con l’esclusione del M5S
2017-02-15 17:31:44
Marra invece teniamolo in carcere fino al processo. Cosi' tanto per fare un po' di scena. Una vergogna assoluta che non gli siano stati dati i domiciliari in attesa del processo. Li danno ai peggiori criminali. Perfino al rumeno che ha rubato un'auto e scappando ha ucciso una bambina
3
  • 46
QUICKMAP