Roma, la sicurezza dimenticata dopo le violenze nelle ville storiche

di Camilla Mozzetti
Abbandonate e terre di nessuno: benvenuti nelle ville storiche della Capitale. Per non parlare dei parchi, ricoveri notturni e zone franche. Molti dei polmoni di Roma, ettari di verde lasciati al degrado, continuano ad avere una doppia vita. Diventando sotto le stelle, coacervi di illegalità. Lo scorso settembre, dopo lo stupro di una clochard nel cuore di villa Borghese, l'amministrazione M5S di Virginia Raggi promise grandi interventi con un comitato per la sicurezza convocato ad hoc.     Un modo per placare la...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 16 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17-01-2018 18:23

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2018-01-17 07:58:10
Purtroppo è la realtà, comunque se i giornalisti andassero a fare un giro a Milano o a Bologna o nelle altri grandi e piccole città troverebbero le stesse cose. La maggior parte se non tutti sono stranieri che una politica governativa autolesionista se non peggio ha incoraggiato a venire nel nostro paese, le espulsioni (che non si fanno) sono in mano allo stato, del resto se li sposti da una parte all'altra non è che ottieni molto, ci dovrebbe essere una politica di controllo di polizia ma anche questa non c'è.
2018-01-16 17:02:58
Grazie Raggi, sarai da esempio per la tua prossima carriera politica.
2018-01-16 14:12:05
Spostare non meno di diecimila persone sbandate da un posto ad un altro costa troppo e soprattutto è totalmente inutile. Non se vanno spontaneamente, punto. L'ideale sarebbe espelllere chi non ha titoli per rimanere ma a parte i costi c'è il problema dei paesi di origine che non son così scemi da riprenderseli (come certi...). Allora si potrebbe radunare tutte queste persone irregolari e a zonzo in una sorta di centro nazionale unico (sempre meglio di lasciarli girovagare per parchi e stazioni) in attesa di soluzioni migliori ma a parte i costi esorbitanti (pensate solo al 5G per l'ultimo Iphone!) ci sarebbe il solito ricorso al TAR e qualche condanna della Corte Europea per i diritti del clandestino contro le torture e i soprusi dello Stato cattivone, ecco. Altro che Raggi. Qua ci vorrebbe Gengis Khan!
2018-01-16 12:15:15
Roma città aperta a tutti i diseredai che si sono illusi di trovare il benessere che manca a molti italiani .
2018-01-16 12:03:03
" Raggi qui c'è qualcuno che dice che Roma è tutta un degrado" La Raggi risponde: ... " Ma cosa vuoi fare? Questi sono abituati ad esagerare ... è sempre lo stesso complotto organizzato dall'opposizione perché sono invidiosi della sindachessa della Capitale."
29
  • 97
QUICKMAP