Elezioni, scoppia il caso rom: lite sulla chiusura dei campi

di Fabio Rossi

In principio fu la rottura tra la Lega e Guido Bertolaso, con tanto di apertura di una resa dei conti nel centrodestra di cui ancora non si scorge la fine. «Non può essere il nostro candidato chi dice che per risolvere il problema dei rom che rubano bisogna togliere i cassonetti dalle strade», Matteo Salvini dixit, dopo che il leader del Carroccio aveva già messo all'indice l'ex direttore della Protezione civile, candidato preferito da Silvio Berlusconi per le frasi sui nomadi «categoria vessata». Dopo anni di polemiche e di piani mai davvero decollati, è inevitabile che sul superamento dei campi si giochi una delle partite più delicate della campagna elettorale per il Campidoglio.

LA PROPOSTA
I nomadi, diretti interessati, fiutano l'aria e provano a giocare d'anticipo. Non a caso la presentazione del documento “Roma: oltre le baraccopoli” dell'Associazione 21 luglio, diventa un incontro tra candidati a sindaco, dal dem Roberto Giachetti alla pentastellata Virginia Raggi, passando per Stefano Fassina (Si). Giachetti non parte in quarta, ma vuole prima studiare la situazione: «Questo è un tema che in ogni campagna elettorale viene riproposto e le dichiarazioni che vengono fatte poi corrispondono al fallimento di qualunque tentativo di risolvere il problema». Netta, invece, la posizione di Alfio Marchini: «Noi vogliamo ripristinare la legalità e le regole. Chiuderemo i campi nomadi abusivi e ripristineremo controlli veri nei campi autorizzati dal Comune di Roma, con tolleranza zero a cominciare dai fumi tossici che avvelenano l'aria di Roma - spiega l'ingegnere - Non possiamo far finta di non sapere chi viene in questa città per delinquere. Si sa perfettamente le famiglie nomadi perbene e quali no. Chi viene qua per integrarsi purtroppo è la grande minoranza, mentre gli altri vengono con il presupposto di delinquere».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 24 Marzo 2016 - Ultimo aggiornamento: 25-03-2016 16:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2016-03-24 09:01:41
Il problema nomadi è un grosso problema. Comunque i ROMANI sono arcistufi degli zingari. Sono ladri, sporchi,prepotenti,non hanno voglia di lavorare solo delinquere. Penso che sono fatti così è la loro natura. Allora visto che sono nomadi non si potrebbero distribuire su tutto il territorio italiano di modo che essendo di meno si possono meglio controllare. Ai peggiori soggetti con tanti precedenti penali non si potrebbero togliere i figli per come è stato fatto per i mafiosi?Qualche P.M. provi andare da solo alla Stazione Termini o a salire in Metropolitana. Non so se è peggio la paura o la puzza. Spero che questo mio sfogo venga pubblicato. Grazie
2016-03-24 11:15:53
Marchini sta solo cavalcando l'onda del populismo, speciaolmente su questo argomento. In questo caso secondo me avrebbe anche detto cose condivisibili, ma lui non deve limitarsi a dire COSA vuole fare, deve anche dire COME farlo, ovvero: "Chiuderemo i campi nomadi abusivi e ripristineremo controlli veri nei campi autorizzati dal Comune di Roma, con tolleranza zero a cominciare dai fumi tossici che avvelenano l'aria di Roma" - Marchini spieghi dove trova personale e soldi per fare questo... la Polizia Municipale non esiste, le forze dell'ordine di stato (polizia, carabinieri etc) hanno altre priorita' rispetto ai fumi tossici - o almeno AVREBBERO altre priorita' - Operatori dell'AMA non possono andare nei campi nomadi se non pagando triple o quadruple indennita'.. e poi una volta entrati li minacciano coi bastoni e quelli giustamente se ne vanno dicendo "chiamate la polizia noi non possiamo fare niente".. per i rifiuti e i fumi tossici serve personale di aziende specializzate, che hanno un costo alto.. Roma ha 20mila miliardi delle vecchie lire di debito.. allora Marchini, le tue parole sono belle, bravo, siamo d'accordo.. ma come fai? dove trovi i fondi? come finanzi il tutto? E non ditemi "basta far pagare gli inquilini di affittopoli" perche' quei soldi servono per le strade, i marciapiedi, i parchi, la manutenzione, i mezzi pubblici, la partecipazione in ATAC etc etc... allora, COME FAI?
2016-03-24 12:18:00
"Lite sulla chiusura dei campi rom". Sembra incredibile eppure è così! La conclusione è che si discute tra quelli che NON vogliono essere rapinati e quelli che rivendicano il “diritto” di rapina. E quando sono arrestati c’è qualche giudice che li manda liberi grazie al loro stato “culturale”. E le persone oneste diventano sempre più deboli di fronte la giustizia. mentre in tribunale c’è la scritta (sempre più sbiadita) “la legge è uguale per tutti”!
2016-03-24 13:23:28
Cara Signora, purtroppo esiste l' opera nomadi che prende le loro difese, quando ho chiesto se questa associazione percepiva denaro pubblico nessuno mi risposto e questo la dice lunga.
2016-03-24 14:02:25
Il problema non è tanto quello della chiusura dei campi che è solo demagogia come fece alemanno, ma del rispetto delle regole, se non si fanno rispettare le regole di convivenza, anche le più elementari, questi campi saranno sempre delle enclaves a due passi da casa nostra
9
QUICKMAP