seguici su Google+ RSS
Martedì 22 Luglio - agg.21:29
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Rieti

Uxoricidio, Shedije non aveva amanti
Il fornaio sospettato
dal marito lavora con lui

Sulle tracce di un altro uomo accusato da Sabani di far prostituire la moglie

di Massimo Cavoli

RIETI - I primi riscontri hanno dato un esito negativo e così la versione di Jazhine Sabani sulle ragioni che l’avrebbero indotto a massacrare la moglie Shedije Mamedani (erano regolarmente sposati con rito civile in Macedonia, ma in Italia il matrimonio non è considerato valido e pertanto non era stato registrato, tanto che l’avvocato difensore Antonella Aguzzi parla di impossibilità di contestare al suo cliente l’aggravante determinata dall’uxoricidio) comincia a vacillare.
L’uomo, dopo il primo - e unico - interrogatorio al quale è stato sottoposto dal magistrato, aveva detto che la donna lo tradiva con un connazionale che lavora con lui. Accertarlo, per la squadra mobile, non è stato difficile: la persona indicata come possibile amante di Shedije, in realtà lavora in un forno di Molino della Salce insieme a Sabani, nelle stesse ore di notte e non ha fatto registrare assenze sospette. La polizia, alla quale il sostituto procuratore Stefano Opilio ha assegnato una delega d’indagine a 360 gradi, sta adesso ricercando anche un albanese accusato dall’uxoricida di far prostituire la moglie. Gli inquirenti l’hanno già identificato e nei prossimi giorni sarà interrogato in procura, ma anche questa parte delle dichiarazioni non troverebbe adeguati riscontri.
Tanto scrupolo serve a stabilire se il macedone ha agito in preda a un raptus di follia oppure l’esistenza di un amante e di un protettore nella vita della moglie, rappresentavano solo una personale convinzione, maturata sulla base di chissà quali elementi. Un accertamento dal quale dipenderà l’eventuale conferimento di una perizia psichiatrica sull’uxoricida.
IL CELLULARE
C’è poi il cellulare, quello con il quale il fornaio ha cercato di riprendere la moglie «per farle confessare il tradimento e che si prostituiva», ha detto subito dopo il delitto. Un primo esame dell’audio (Sabani parla in albanese) affidato a una traduttrice, ha consentito di trascrivere le frasi con le quali l’uomo conduce «l’interrogatorio», ma da parte della vittima si registrano solo dei «no» e dei «sì», pronunciati in modo flebile, quando ormai era in condizioni gravissime. Di qui, la convinzione degli inquirenti che Shedije, con le poche forze che ancora le rimanevano, abbia in qualche modo cercato di dare risposte per placare la furia del marito che l’aveva già colpita diverse volte con il mattarello, poi gli aveva lavato i capelli trascinandola in bagno (e colpendola anche qui, come testimoniano gli schizzi di sangue sulle pareti), poi l’aveva ricondotta in camera da letto e vestita con abiti puliti.
Dalla ricostruzione degli orari, effettuata in base alle affermazioni del fornaio e all’esame del cellulare, quando il macedone «interroga» la moglie era trascorsa quasi un’ora, durante la quale l’aveva ripetutamente picchiata. Una morte lenta, una lunga agonia (confermata dall’autopsia) che l’uxoricida ha gestito con freddezza, intento com’era a ottenere la confessione della povera donna.
L’8 MARZO PER SHEDIJE
Intanto, in occasione della Giornata della donna, il Comune, su proposta del consigliere Gabriele Bizzoca, promuoverà un evento dal titolo «Oggi puoi dire di no», dedicando l’8 marzo alla memoria di Shedije Mamedani, iniziativa con la quale l’amministrazione vuole esprimere, a nome dell’intera comunità reatina, lo sdegno per l’ennesimo femminicidio in Italia e il cordoglio alla famiglia e a quanti conoscevano Shedije.

Martedì 05 Marzo 2013 - 13:09
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

In metropolitana c'è il pizzo sul biglietto: macchinette presidiate da gruppi di rom

Sputi ai turisti, estorsioni, guardie giurate minacciate e ferite con le penne negli occhi.

Papà trova babysitter che abusa del figlio Lo picchia a sangue, poi chiama la polizia

Lo ha picchiato così forte da farlo svenire. Poi ha chiamato la polizia: «Sono tornato a casa e...

Ilaria d'Amico e Gigi Buffon, coccole in alto mare: ecco le foto della loro fuga d'amore in Grecia

L'amore tra Ilaria d'Amico e il portiere della Juventus Gigi Buffon naviga in acque sicure. Ecco le...

Carambola sulla Cassia Bis: un morto e 5 feriti, 2 donne in coma, traffico paralizzato

ROMA - Maxi incidente sulla Cassia bis prima della galleria nella zona delle Rughe poco dopo lo svincolo per...

Stazione Trastevere, travolto e ucciso da un treno: intrappolato tra i binari

Tragedia alla stazione Trastevere. Il treno della linea Fiumicino-Fara Sabina, diretto verso Fiumicino, ha...

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009