Rieti, al Ciuffelli scatta il rush finale
della Coppa del Mediterraneo

Al Ciuffelli ci si prepara al decollo
di Giacomo Cavoli

RIETI - Per tutti, la data prescelta della giornata di riposo dovrebbe essere quella di martedì. Nelle intenzioni della direzione di gara guidata da Aldo Cernezzi, fino a quel momento restano dunque ancora le due giornate di volo di oggi e domani, prima di concedere una pausa ai volovelisti rimasti in gara nella Coppa Internazionale del Mediterraneo. E' quindi già assicurata, ai fini della classifica finale, la validità della Coppa Internazionale, la prima delle tre competizioni in calendario questo mese al Ciuffelli, grazie agli iniziali cinque giorni di gara svolti da martedì scorso fino a sabato e compreso, presumibilmente, il sesto di oggi.
 

 In neanche una settimana, però, dalla perfetta estate volovelistica reatina protagonista lo scorso fine settimana e durante l'inizio di quella appena trascorsa, le condizioni meteo sono andate lentamente peggiorando, con un caldo così secco da trasformare il blu del cielo in un lattiginoso celeste ai limiti del bianco, cancellando sempre di più, nelle ultime tre giornate di gara, le formazioni dei cumuli e rendendo più difficile l'individuazione delle termiche, costringendo la direzione gara di Cernezzi a concentrare sempre più verso sud lo svolgimento dei percorsi di gara giornalieri. L'attività termica è però tutt'altro che ferma: velocità orarie stabili intorno ai 140-150 chilometri orari, voli di costone garantiti dal vento di sud-ovest e convergenze presenti esattamente dove indicate dalla meteo predisposta ogni mattina dal romano Ezio Sarti.
 

VOLI DI TRINCEA

Nella 18 Metri, i piazzamenti della seconda giornata di mercoledì scorso appaiono premonitori della classifica generale: resta una questione a sei, tra i due inglesi Jon Gatfield e Leigh Wells (premiata la capacità di squadra dei due britannici, già evidente in tante gare internazionali della flotta reale) continuamente tallonati però dal campione mondiale Giorgio Galetto (terzo) ed Egidio Babbi (quinto) e in mezzo, quarto, dal neo-zelandese Dane Dickinson.
 

Nella Libera, dopo il guasto meccanico all'aliante motorizzato del duo Roberto Reginaldi e Roberto D'Addario, è rimasto soltanto il milanese Alberto Sironi a difendere il tricolore in una selva di austriaci, tedeschi, spagnoli e persino l'unico svizzero Simon Leutenegger. Specularmente alla classifica giornaliera di sabato, nella generale sopra Sironi (secondo) c'è l'austriaco Peter Hartmann,che non molla il primo posto quotidiano da due giorni e il podio da quattro; terzo, è uno dei membri della famiglia reale di Spagna, Alvaro De Orleans.
 

Nella Mista, restano invece imbattibili i biposto italiani: un asserragliamento tricolore al quale tiene testa soltanto il duo austriaco Herbert Pirker e Wolff, mentre dietro premono, nell'ordine, Vittorio Pinni e Paola Lanzieri, Andrea Ferrero in coppia con Ezio Sarti - il quale, dopo aver allestito previsioni meteo fin dal cuore della notte per tutti i volovelisti in gara al Ciuffelli e curato il briefing mattutino, non rinuncia al terzo posto in classifica generale - da Giorgio Marchisio con Fabrizio Cavicchio e Roberto Istel insieme a Patrizia Roilo.

Domenica 6 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:16

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP