Rieti e il problema immigrati
Cicchetti: «Chi non vuole integrarsi
venga rispedito a casa sua»

RIETI - «Ho telefonato al prefetto per chiedere interventi urgenti e per procedere con lo sgombero di alcuni appartamenti chiaramente segnalati per essere focolai di fastidio per tutti i condomini. Chi vuole stare qui e rendersi utile a questa comunità si integri, chi non ritiene di assumere le abitudini degli italiani, dare fastidio, molestare, deve essere impacchettato e rispedito a casa sua».

Sono le parole pronunciate dal sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti, eletto a giugno, nel corso del suo consueto intervento sull'emittente televisiva locale Rtr in merito al recente episodio di una rissa tra immigrati su un autobus. «Il fenomeno di alcuni appartamenti affittati per quattro persone e diventati nel tempo luogo di ospitalità per venti
persone - ha aggiunto Cicchetti - deve finire. Oppure questi luoghi di accoglienza devono essere portati in casolari distanti dalla convivenza civile che noi italiani riteniamo non possa essere turbata.

Di questo si discuterà nella prossima riunione del comitato per l'ordine pubblico. Noi vogliamo vivere tranquilli e sereni con chi ritiene di fare altrettanto». Il sindaco di Rieti ha poi aggiunto di aver segnalato al prefetto di Rieti «che prima o poi la gente si attrezzerà per difendersi».

«Polizia e Carabinieri - ha concluso Cicchetti - sono sostanzialmente impotenti, non per cattiva volontà, ma perché chi viene preso torna in libertà il giorno dopo. Il carcere di Rieti è una specie di albergo. E' colpa del Parlamento».
Gioved├Č 11 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:33

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-01-11 23:01:28
E' cosi' su tutti i 310 mila km quadrati della penisola.
QUICKMAP