Parolin vuole portare Papa Bergoglio in Veneto: verso la beatificazione di Papa Luciani

di Franca Giansoldati
CITTA' DEL VATICANO - La beatificazione di Giovanni Paolo I, il Papa del sorriso, morto solo dopo 33 giorni di regno per un attacco cardiaco, sembra essere dietro l'angolo. L'iter alla Congregazione dei Santi procede veloce e non è escluso che l'anno prossimo possa essere lo stesso Papa Francesco a presiedere alla cerimonia di beatificazione a Canale d'Agordo. L'ipotesi è affiorata in questi giorni durante la visita del Segretario di Stato, cardinale Parolin in Cadore. Incontrando i sindaci di Lorenzago e di Canale d'Agordo – paese natio di Papa Luciani – in casa del fondatore di Grafica Veneta per la presentazione di un libro, il cardinale – secondo la ricostruzione apparsa sul Mattino di Padova - non ha affatto smorzato le attese dei cattolici veneti che da tempo attendono passi in avanti e definitivi per la consacrazione di Giovanni Paolo I. Durante l'incontro l'ex presidente del Consiglio regionale, presentando il porporato alla platea di imprenditori ed amministratori, gli ha chiesto di mettere una buona parola perché Bergoglio possa arrivare presto nelle Dolomiti.

«L’ho già fatto – ha risposto il Segretario di Stato -. Spero che accoglierà l’invito perché il Papa non è ancora venuto in Veneto. Una visita la deve pur fare…». Se la farà il prossimo anno ci sarà anche la beatificazione di Luciani? «Noi speriamo fortemente che Giovanni Paolo I possa arrivare agli onori degli altari. Voi pregate anche per questo». Una risposta indubbiamente diplomatica che non toglie concretezza all'ipotesi caldeggiata dai veneti.

Di fatto entro fine anno in Vaticano dovrebbe essere approvato il decreto delle virtù cristiane. «Una volta che sarà approvato il decreto, e se ci sarà il miracolo, per la beatificazione non mancherà molto. Il requisito è il miracolo» ha aggiunto Parolin. E la guarigione prodigiosa che state esaminando in Argentina? «Credo che ci sia già qualche cosa. Se il miracolo sarà approvato si procederà in tempi brevi».

Parolin non ha mancato di fare un riferimento alla visione pastorale di Luciani così vicina a quella di Bergoglio. «Giovanni Paolo I è stato veramente un profeta per quella sua continua tensione nell’annunciare l’amore di Dio a tutte le creature».
Mercoledì 30 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-09-02 14:16:40
Consiglio per Papa Francesco: istituisca subito la possibilità di fare l'autopsia anche al Papa (finora è sempre stata vietata) poiché se continuerà a tirare calci, gli faranno fare la fine di Luciani.
2017-08-31 09:11:17
Papa Luciani, Beato e... martire!
2017-08-30 17:51:27
Prima di beatificare papa Luciani bisognerebbe vederci un po' più chiaro sui personaggi che all'epoca gli giravano intorno. Così, tanto per fugare qualche piccolo, si fa per dire,...dubbio.
2017-08-30 12:28:32
Mica tanto beato il povero papa Luciani: lo fecero subito fuori!
2017-08-30 12:04:09
il "postino di Cristo", come lui amava definirsi, è stato un impareggiabile uomo di Cristo - e lo dice un non credente. E ci vedeva molto più lontano dei suoi successori, tra cui il grande polacco che non si accorgeva della follia natalista di cui fu l'anima, e che porterà, mi correggo, ha portato al disastro demografico africano. Però sono contrario alla sua beatificazione, proprio perchè lo metterebbe al livello di Padre Pio, Madre Teresa e Giovanni Paolo II, loro sì che se la sono meritata...
QUICKMAP