Papa Francesco alla veglia pasquale: corruzione e vana burocrazia crocifiggono la dignità

Dopo il grido di vergogna per il «sangue innocente», per i drammi, le guerre e le devastazioni nel mondo, lanciato ieri sera al Colosseo nella Via Crucis del Venerdì Santo, questa sera nella veglia pasquale in San Pietro il Papa ha rinnovato la sua denuncia verso tutto ciò che è «disumana ingiustizia» e che «crocifigge la dignità». Nella celebrazione della Resurrezione, il momento più solenne di tutto l'anno liturgico, Francesco vi ha però aggiunto l'annuncio del «palpito del Risorto», che al contrario è «forza trasformatrice», in quanto «fermento di nuova umanità».

Bergoglio, nell'omelia, ha ricordato lo sgomento e il dolore delle donne che vanno al sepolcro di Gesù crocifisso dicendo che «nel volto di queste donne possiamo trovare i volti di tante madri e nonne, il volto di bambini e giovani che sopportano il peso e il dolore di tanta disumana ingiustizia». «Vediamo riflessi in loro - ha sottolineato - i volti di tutti quelli che, camminando per la città, sentono il dolore della miseria, il dolore per lo sfruttamento e la tratta». In loro «vediamo anche i volti di coloro che sperimentano il disprezzo perché sono immigrati, orfani di patria, di casa, di famiglia; i volti di coloro il cui sguardo rivela solitudine e abbandono perché hanno mani troppo rugose».

Esse, ha detto ancora, «riflettono il volto di donne, di madri che piangono vedendo che la vita dei loro figli resta sepolta sotto il peso della corruzione che sottrae diritti e infrange tante aspirazioni, sotto l'egoismo quotidiano che crocifigge e seppellisce la speranza di molti, sotto la burocrazia paralizzante e sterile che non permette che le cose cambino». «Nel loro dolore - ha aggiunto -, esse hanno il volto di tutti quelli che, camminando per la città, vedono crocifissa la dignità».

Per il Papa, «anche i nostri volti parlano di ferite», di «tante infedeltà», parlano «di tentativi e di battaglie perse», e ha avvertito che «quasi senza accorgercene, possiamo abituarci a convivere con il sepolcro, a convivere con la frustrazione». Di più, «possiamo arrivare a convincerci che questa è la legge della vita anestetizzandoci con evasioni che non fanno altro che spegnere la speranza posta da Dio nelle nostre mani». Invece «il palpitare del Risorto» è «ciò che ci è stato donato e che ci è chiesto di donare a nostra volta come forza trasformatrice, come fermento di nuova umanità».

Con la Risurrezione, «Cristo non ha solamente ribaltato la pietra del sepolcro, ma vuole anche far saltare tutte le barriere che ci chiudono nei nostri sterili pessimismi, nei nostri calcolati mondi concettuali che ci allontanano dalla vita, nelle nostre ossessionate ricerche di sicurezza e nelle smisurate ambizioni capaci di giocare con la dignità altrui». Quello che Dio «stabilisce e consolida» è «un tempo nuovo, il tempo della misericordia». Francesco ha quindi invitato all'annuncio della Resurrezione «in tutti quei luoghi dove sembra che il sepolcro abbia avuto l'ultima parola e dove sembra che la morte sia stata l'unica soluzione».

E «se non siamo capaci» di andare «per questa strada - ha aggiunto -, allora non siamo cristiani». Nel corso della solenne liturgia, il Pontefice ha amministrato i Sacramenti dell'iniziazione cristiana - battesimo, cresima e prima comunione - a 11 neofiti provenienti da Spagna, Repubblica Ceca, Italia (tre), Stati Uniti, Albania (due), Malta, Malesia e anche dalla Cina. Nove anni il più giovane, 50 il più anziano. Domani il ciclo pasquale si chiude con la messa del Papa in Piazza San Pietro, seguita, dalla loggia centrale della basilica, dal messaggio e dalla benedizione «Urbi et Orbi».
Sabato 15 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 16-04-2017 10:20

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 261
QUICKMAP