Il Papa ai migranti: «Rispettate le leggi dei Paesi ospitanti»

di Franca Giansoldati e Cristiana Mangani
CITTÀ DEL VATICANO - Gli immigrati rispettino le leggi. Il Papa torna a riflettere sul rebus dei migranti, da una parte risorsa preziosa, dall'altra fenomeno capace di sprigionare la paura della gente. Dando per scontata l'accoglienza e l'ospitalità, la parola chiave per evitare il rischio di ghettizzazioni, demonizzazioni o chiusure è: integrazione. Il ragionamento di Francesco prosegue. «Si tratta di un processo bidirezionale che si fonda sul mutuo riconoscimento della ricchezza culturale dell'altro, che non è appiattimento di una cultura sull'altra, e nemmeno isolamento reciproco con il rischio di nefaste quanto pericolose ghettizzazioni». E' chiaro che si tratta di fare valere anche le leggi e la cultura europea. «Chi arriva è tenuto a non chiudersi alla cultura e alle tradizioni del paese ospitante, rispettandone le leggi, così come non va assolutamente trascurata la dimensione familiare del processo di integrazione, per questo mi sento di dovere ribadire la necessità di politiche per favorire e privilegiare i ricongiungimenti familiari».

Alcuni mesi fa, tornando dalla Svezia, Papa Bergoglio ebbe modo di precisare meglio il suo punto di vista di fronte ad un fenomeno epocale così massiccio come quello delle migrazioni. Serve un duplice sforzo: da una parte garantire asilo a chi fugge, dall'altra è essenziale investire di più su reali politiche di integrazione che prevedano l'insegnamento della lingua, delle tradizioni culturali, della storia. «L'integrazione non è né assimilazione né incorporazione. Bisogna promuovere l'accoglienza e l'ospitalità dei profughi e dei rifugiati, tenendo contro dei diritti e dei doveri reciproci per chi accoglie e chi è accolto».

Francesco ha approfondito l'argomento in una intervista alla rivista del Ministero dell'Interno “Libertà Civili” che riprende le pubblicazioni dopo un periodo di silenzio. Il primo numero della rivista è stato presentato stamattina dal ministro dell'Interno, Marco Minniti.

Naturalmente il Papa fa leva sulla memoria comune, rammentando la storia europea. «I Paesi europei, come tanti altri Paesi che hanno sperimentato sulla propria pelle l'immigrazione, sia l'emigrazione, debbano fare tesoro del loro passato. Quanto è stato difficile nel dopoguerra per milioni di europei che partivano spesso con tutta la famiglia per approdare in Sud America o negli Stati Uniti. Non è stata una esperienza facile nemmeno per loro. Hanno sofferto il peso di essere considerati degli estranei, arrivati da lontano e senza alcuna conoscenza della lingua locale. Non è stato un processo di integrazione facile ma si è sempre concluso con successo. Abbiamo molto da imparare dal passato. E' importante agire con consapevolezza senza fomentare la paura dello straniero».

Infine un appello ai mass media sovente veicoli di stereotipi sbagliati capaci di alimentare diffidenze e paure. «La buona informazione può abbattere i muri. I mass media, invece, spesso usano stereotipi negativi parlando di migranti e rifugiati. Basti pensare all'uso scorretto che spesso fanno dei termini con cui appellano a migrati e rifugiati. Quante volte si sente parlare di clandestino come sinonimo di migrante. Questo non è corretto, è una informazione di parte da una base errata che spinge l'opinione pubblica a elaborare un giudizio negativo».
Venerd├Č 7 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-04-2017 15:25

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 51 commenti presenti
2017-04-08 19:55:16
Sono leggi dei paesi ospitanti anche le leggi sul permesso di soggiorno. In Vaticano, lo sappiamo che possono entrare tutti.
2017-04-08 19:29:16
si padre ma dica pure che quel sogno di benessere nel venire per loro resterà un sogno che con le sue parole a lampedusa li ha invitati cavolo!
2017-04-08 19:29:11
Ma quando mai. Questi non rispettano niente e nessuno. Al 99 per cento sono dei furbacchioni che hanno capito che da noi si mangia, si beve e si dorme a sbafo. Se ne stano a bighellonare tutto il giorno con le cuffiette alle orecchie se tutto va bene. Altrimenti danno fastidio, rubano e quant'altro. Vanno solo cacciati via, senza tante storie.
2017-04-08 18:34:22
Il commento del Papa e' molto bello ma non credo che la gentaglia che continua ad arrivare dia molto ascolto alle sue parole. Direi proprio che se ne fregano con il benestare del governo italiano. Stiamo parlando di non cristiani e quindi non hanno nessun interesse ad ascoltare il capo della religione cattolica, anzi...
2017-04-08 13:59:10
Adesso ha detto una cosa giusta.Ma dovrebbe aggiungere: venite solo se scappate da guerre
51
  • 7,3 mila
QUICKMAP