Papa Francesco rifiuta l'ambascatore libanese designato: è un massone

di Franca Giansoldati
Città del Vaticano Per diventare ambasciatori al di là del Tevere e ricevere il placet di Papa Francesco è meglio non avere nei, come per esempio essere gay, non avere troppi divorzi alle spalle, ma soprattutto occorre non fare parte di logge massoniche. Già, perchè altrimenti Papa Bergoglio non concede l'agreement al diplomatico del Paese richiedente. In passato ci sono registrati diversi casi di rifiuti legati soprattutto alla vita privata o familiare degli ambasciatori. Il caso della Francia di Hollande,  per esempio, quattro anni fa, fece scalpore. A Hollande arrivò l'invito a cambiare la nomina dell'ambasciatore designato perché quello che era stato individuato dall'Eliseo era apertamente omosessuale. Finora però non era mai emerso così platealmente per dei massoni.

La questione dei requisiti che occorrono per ottenere l'agreement è ritornata alla ribalta in questi giorni in occasione della visita a Roma del presidente libanese Hariri. La scorsa settimana è stato in visita in Vaticano e durante il colloquio con Papa Francesco si è sentito ripetere che il nome dell'ambasciatore libanese che aveva individuato non sarebbe mai passato. Il motivo del diniego si trovava racchiuso nell'appartenenza del diplomatico ad una loggia massonica. Un aspetto che forse nessuno aveva preso in considerazione prima, tanto che il diretto interessato, l'ambasciatore Johnny Ibrahim, attuale console generale del Libano a Los Angeles, a luglio aveva già festeggiato e condiviso la notizia della sua nomina con diversi prelati americani. Si racconta che il presidente Hariri di fronte alla richiesta vaticana sia rimasto un po' spiazzato anche se ha subito assicurato che avrebbe individuato una soluzione alternativa. Ad un giornale francofono di Beirut, L'Orient Le Jour, Hariri ha usato parole tranquillizzanti sul fatto che avrebbe risolto il problema in tempi rapidi mentre il console silurato da Papa Bergoglio precisava alla stampa di avere effettivamente avuto dei legami con la massoneria francese ma senza però averne mai fatto parte. 
Lunedì 23 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 24-10-2017 17:23

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 27 commenti presenti
2017-10-24 19:06:40
A-ha... allora tanti auguri Papa Francesco! Avrai da lavorare come un matto per rimuovere tutti i vescovi e cardinali massoni!
2017-10-24 13:18:58
Ma tutta questa attenzione e questi ragionamenti non conducono ad un principio chiarissimo? L'accreditamento di diplomatici presso uno stato sovrano necessita del gradimento di quello stato. Il criterio con cui il gradimento è dato o negato fa parte della sovranità dello stato. Riconoscere questo principio è un fatto formidabile; perché ci dà il diritto di pretendere altrettanta insindacabile sovranità in capo al nostro Stato. A difendere l'articolo 7 della nostra Costituzione.
2017-10-24 12:41:18
Troppo "politico" ... forse questo è il motivo perché lo chiamano Bergoglio e non .... Papa.
2017-10-24 07:46:38
Bravo Bergoglio
2017-10-23 19:24:19
Con la sua solita spocchia, Hollande aveva pensato di forzare la mano a papa Francesco decidendo lui senza concordarlo con la Santa Sede il nome dell'ambasciatore. Tanto non avrebbe potuto dire niente,lui il papa che accoglieva tutti, in particolare parlava contro le discriminazioni. Ma papa Francesco non s'è fatto fare.... Fin della storia. Non c'entra il fatto che quell'uomo fosse gay, cosa che sembra servire molto per fare carriera oggi in Francia, ma le tradizioni di buona intesa tra Vaticano e Stati. E mi sembra giusto. Chiaramente allora i giornali hanno dato addosso a papa Francesco perché rifiutava un ambasciatore gay. Dell'Ambasciatore del Libano non so nulla, ma dubito che il motivo sia quello della massoneria.
27
  • 3,5 mila
QUICKMAP