Il Manifesto di Papa Bergoglio per salvare migliaia di specie animali dall'estinzione

di Franca Giansoldati
Città del Vaticano - Altro che i panda, i gorilla di montagna, il leopardo di Amur, il rinoceronte di Giava o la tartaruga liuto. La perdita delle specie animali e vegetali, a causa dell'inquinamento, della deforestazione, dello sfruttamento del pianeta, dei cambiamenti climatici è già una realtà drammatica. Praticamente di 1000 volte il tasso storico se confrontata con la estinzione fisiologica, documentabile dallo studio dei fossili. Se non si inverte la rotta nulla sarà più come prima. L'allarme che da anni preoccupa etologi, ambientalisti, botanici, scienziati è stato raccolto dal Vaticano che, dopo la pubblicazione della enciclica Laudato Sì, si sta trasformando in un punto di riferimento mondiale per le valutazioni scientifiche e accademiche. Nei giorni scorsi si è tenuto, presso la Casina Pio IV un seminario congiunto della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, per esaminare ciò che sappiamo sull’estinzione biologica, le sue cause e i modi attraverso i quali potremmo ridurre la sua portata.

«Attualmente sarebbero in pericolo di estinzione un quarto di tutte le specie e la metà di esse potrebbe estinguersi entro la fine del secolo corrente. Dal momento che dipendiamo dagli organismi viventi per il funzionamento del nostro pianeta, il cibo, molti dei nostri farmaci e altri materiali, per l’assorbimento dei rifiuti e per l’equilibrio del clima, oltre che per gran parte della bellezza di questo mondo, tali perdite causeranno danni incalcolabili per il nostro futuro a meno che non siano tenute sotto controllo. Siamo a conoscenza solo dell’esistenza di meno di un quinto delle specie che stimiamo popolino il mondo. Stiamo perciò sprecando un potenziale sconosciuto e mettendo a repentaglio i meccanismi fondamentali del nostro pianeta».

In un documento congiunto è stato stilato una sorta di Manifesto per sensibilizzare l'opinione pubblica del disastro ambientale che si profila all'orizzonte se, nell'arco di un decennio, non si invertirà la rotta.

«Duecento anni fa, per la prima volta la popolazione raggiungeva un miliardo di persone, toccando nel 1930 i due miliardi che oggi sono diventati 7.4 miliardi. Dal 1950, il PIL mondiale è aumentato di 15 volte e la popolazione mondiale è triplicata. La quintuplicazione del reddito pro capite ha portato enormi vantaggi per la condizione umana contemporanea».

«Oltre a minacciare milioni di specie in via di estinzione, questo enorme aumento dell’attività economica basata sul solo profitto e sull’uso di combustibili fossili sta mettendo sotto sforzo il funzionamento sostenibile della terra. I segni più evidenti includono il cambiamento climatico globale e i danni al sistema della terra come ad esempio l’innalzamento del livello del mare, l’acidificazione degli oceani e l’anossia, che alimentano in maniera diretta l’estinzione biologica».

«La popolazione umana della terra è segnata da grandi diseguaglianze a livello economico. Le persone più ricche del mondo, che rappresentano il 19% della popolazione consumano più della metà delle risorse mondiali. Il reddito pro capite degli 1.4 miliardi di ricchi è all’incirca di 41.000$; al contrario, il miliardo di persone più povere, in particolare nell’Africa Sub-Sahariana, ha un reddito medio di 3.500$. I ricchi sono quindi maggiormente responsabili dell’aumento del riscaldamento globale e di conseguenza della diminuzione della biodiversità. I più poveri che non beneficiano dell’uso di combustibili fossili sono indirettamente responsabili della deforestazione e di una parte della distruzione della biodiversità, visto che le loro azioni si svolgono all’interno di un sistema economico mondiale basato sulle necessità dei più ricchi, i quali hanno in assoluto i maggiori livelli di consumo senza pagare le esternalità che potrebbero permettere di preservare la biodiversità».

«Così come le attività umane sono responsabili di questi effetti negativi, oggi abbiamo bisogno di un’azione umana positiva per lo sviluppo sostenibile della biodiversità. Una condizione imprescindibile per il raggiungimento della sostenibilità globale è la redistribuzione della ricchezza,perché ovunque in tutto il mondo gli alti livelli di consumi hanno un impatto nel degradare il funzionamento della terra e nel distruggere la biodiversità».

 
Giovedì 2 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 03-03-2017 09:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2017-03-02 15:03:50
San Michele arcangelo, ma lei e' cosi' convinto di avere un'anima? Ed e' cosi sicuro che gli animali non ne abbiano? Ma chi le ha fornito queste preziose informazioni?
2017-03-02 14:21:46
Sor francesco ......ti comunico che sei entrato nel libro dei cantastorie , insieme a renzi,berlusconi e compagnia bella...!!
2017-03-02 14:16:56
Ma perché don Bergoglio, viste le simpatie ecologiste che dimostra, non si fa assumere al WWF? O al limite va a fare il cappellano' al BIOPARCO di Roma? Credevo che come chiedeva Don Bosco a Cristo: DA MIHI ANIMAS COETERA TOLLE ( Dammi le anime, le altre cose toglimele) fosse compito del Capo della Chiesa per giunta Vescovo di Roma. Non vorrei che adesso si dicesse sulla falsariga della deriva ecologista di questo pontificato: "DA MIHI ANIMALIA ANIMAS TOLLE ".
2017-03-02 13:46:12
L'estinzione umana sarebbe pi√Ļ giusta,perch√© √® a causa sua che il mondo fa cos√¨ schifo,se non ci fossero gli umani,ci sarebbe solo il paradiso,quello vero.
2017-03-02 12:55:01
invece di pensare alle tante anime che si perdono nell' inferno, questo pensa all' estinzione degli animali che hanno solo un istinto, non hanno un anima, il nostro Vescovo Francesco, dovrebbe mettere in pratica non solo la misericordia, ma anche la giustizia divina, non c'e' piu' la Chiesa di Dio, ma quella dell' IO umano, fatto da uomo, dice solo della misericordia, e allora perche' il Padre Celeste ci ha lasciato i 10 comandamenti, non e' solo misericordioso, è anche giusto, il Francesco non parla dei peccati, non parla dei sacramenti, tutte cose che ci sono state rivelate da nostro Signore, e lui parla solo di misericordia, e molte anime si vanno a perdere nel' inferno SIA LODATO GESU' CRISTO
6
  • 3,8 mila
QUICKMAP