Colombia, è pace con le Farc. Il ruolo di Papa Francesco

di Franca Giansoldati
L’annuncio tanto atteso arriverà in Italia solo a notte fonda. Quando all’Avana sarà pomeriggio inoltrato. La pace tanto sperata, tanto ricercata e sempre (finora) naufragata tra il governo della Colombia e le Farc sembra arrivata su un sentiero positivo. Saranno il Presidente colombiano, Manuel Santos, e il presidente Raoul Castro, assieme a esponenti delle Farc (Forze armate rivoluzionarie della Colombia) a leggere un comunicato congiunto con il quale renderanno noto il percorso da intraprendere per fare finire una guerra civile che dura da troppo tempo, seminando violenze e alimentando incertezze economiche in molte aree del paese. La road map colombiana è contenuta in un documento di svariate pagine che verrà diffuso.



La fase finale è stata facilitata dalla Chiesa. Papa Francesco ha incoraggiato subito tutti gli sforzi fatti finora dietro le quinte, in questi anni, dalla Comunità di Sant’Egidio, una specie di facilitatore del progetto di riconciliazione. Fino a qualche anno fa sembrava fantascienza.



Nel corso dei primi dialoghi di pace ospitati dal governo di Castro, sull’isola caraibica, si è capito subito che il clima stava mutando e che si registrava una volontà comune tra le parti a trovare finalmente un modo nuovo per affrontare la transizione e il grande problema della giustizia. Nel corso degli ultimi colloqui ha preso parte, in qualità di osservatore, anche il nunzio apostolico all’Avana, monsignor Giorgio Lingua.



Aveva molto colpito l’invito fatto al Papa dalle Farc, durante il suo soggiorno a Cuba. Chiedevano di potere avere un incontro con lui, e lo avevano definito “l’amico dei poveri, missionario di concordia, colui che ama custodire il creato”. Il Papa aveva risposto con un appello e una preghiera per la riconciliazione.



Ad agosto le Farc con un comunicato avevano annunciato che il cessate il fuoco unilaterale sarebbe stato prolungato sine die, chiedono al governo colombiano un comportamento di fiducia reciproco.

La Chiesa colombiana aveva chiesto insistentemente una decisione simile ritenendola fondamentale per continuare i negoziati di pace in corso all’Avana da circa due anni.
Mercoledì 23 Settembre 2015 - Ultimo aggiornamento: 25-09-2015 00:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP