Università, la Statale di Milano rinuncia al ricorso contro il numero chiuso e apre le iscrizioni

L'università Statale di Milano ha deciso di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato contro l'ordinanza del Tar del Lazio che ha accolto il ricorso dell'associazione Udu, Unione degli universitari, sull'introduzione del numero chiuso nelle facoltà umanistiche dell'ateneo. Lo ha comunicato l'università in una nota in cui ha annunciato che domani saranno aperte le immatricolazioni per le facoltà oggetto dell'ordinanza del Tar.

«Considerando in questo momento assolutamente prioritario rispetto ad ogni altra circostanza il proprio dovere istituzionale nel garantire il corretto avvio delle lezioni, e volendo porre fine al clima di incertezza creatosi all'indomani della sentenza del Tar, la Statale di Milano ha deciso di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato, rimandando al giudizio di merito la difesa delle proprie posizioni», si legge nella nota. «La procedura di ricorso, data la complessità degli elementi in gioco e le implicazioni anche di rilievo nazionale - prosegue l'ateneo milanese - potrebbe richiedere infatti una tempistica non compatibile con la primaria esigenza del regolare inizio dell'anno accademico». Da domani 8 settembre e fino al 16 ottobre 2017, saranno quindi aperte in Statale le immatricolazioni ai corsi di laurea in Filosofia, Lettere, Scienze dei Beni culturali, Lingue e letterature straniere, Storia, Scienze umane dell'ambiente, del territorio e del paesaggio. Tutti gli studenti interessati, compresi coloro precedentemente iscritti ai test di ingresso, dovranno immatricolarsi ex novo e il contributo versato per la domanda di ammissione ai test sarà rimborsato.
Giovedì 7 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 08-09-2017 10:56

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-07 23:07:57
Porre il numero chiuso a una Università agli studi è come sopprimere un bambino al momento della sua nascita alla vita. Le Scuole e i docenti insegnanti sono stati costruiti affinchè le nuove generazioni di giovani possano sbizzarrirsi nella scelta delle materie poste in studio perchè una classe fi giovani possano cimentarsi nell'infinito mondo della cultura e lasciate che sia il lavoro a stabilire chi vale oppure no nel cimento delle trealtà della stessa vita,
QUICKMAP