Nepotismo all'università: in calo ma resiste al Sud

di Alessandra Camilletti
ROMA Il fenomeno, se volete, è pure un po' italiano. Quella tendenza a restare vicino casa per studiare o trovare un posto di lavoro. Non fa eccezione il mondo accademico. Anzi, è proprio da qui che si parte per delineare un'insolita mappa. È la mappa del nepotismo, in una ricerca condotta sulle università del mondo. La notizia è che se è vero che l'Italia è in testa, avanti rispetto a Francia e a Stati Uniti, è anche vero che il fenomeno è in calo. Una mappa che...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 4 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-07-04 15:51:06
Ma quale repubblica. In Italia c'è ancora la monarchia!
2017-07-04 09:42:09
Da universitario confermo tutto, ci sono anche i concorsi ad hoc e non sempre i figli sono all'altezza dei genitori, ma siamo in Italia, tutto è possibile.
2017-07-04 08:47:00
poi fanno le lezioni in dialetto anche loro
3
  • 38
QUICKMAP