Malattia, spunta l'autocertificazione. I sanitari: «Noi a rischio processo per certificati che non fermano i furbi»

(Foto Ansa)
di Giusy Franzese e Diodato Pirone
Tutto cominciò la mattina del 6 marzo del 2013 quando nella tranquilla Piacenza venne arrestato un agente della polizia penitenziaria. La notizia emerse dalla rapida conferenza stampa nella quale il magistrato spiegò che l'arrestato curava i suoi traffici privati soprattutto durante i giorni di malattia chiesti, molto spesso e sempre per telefono - senza visita - al suo dottore di base. Peccato che l'agente fosse intercettato. Col risultato di inguaiare fino al collo il medico per truffa e violazione (la mancanza della...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 5 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 22:35

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2017-07-05 16:41:32
i certificati per malattie rarissime che si contraggono di venerdì o lunedì per allungare il weekend sono al 99% falsi, finora il tacito accordo tra medico di base e scansafatiche ha retto, ai danni delle imprese, dei professionisti, e della pubblica amministrazione, spero che rimanga la possibilità di mandare le visite fiscali per stanare gli impostori.
2017-07-05 15:15:05
Tanto per fornire qualche spunto di riflessione a che crede di aver capito tutto, ma proprio tutto: con la riforma Brunetta del 2008, nei primi dieci di malattia, il dipendente pubblico subisce la decurtazione del salario accessorio, quindi accade più di frequente di quanto si pensi che il dipendente stesso, anche se malato, preferisca non dichiararsi malato e prendere dei giorni di ferie. Sono tutti certi che questo sia giusto, e che, in sostanza, si parta dal presupposto che qualunque malattia sia simulata? Poi, se qualcuno pensa che il salario accessoria sia un privilegio, un regalo o comunque un qualcosa di non dovuto, continui a pensarla come crede: di certo nulla cambierà di certo!
2017-07-05 13:12:44
Elisa dalla Germania. "In Germania è possibile assentarsi dal lavoro fino ad un massimo di tre giorni senza certificato medico." Posso chiederle quante volte in un anno e' possibile farlo? Ci sara' sicuramente un limite.
2017-07-05 11:48:37
Dal lontano 1982,anno in cui fui assunto presso la pubblica amministrazione,ogniqualvolta sono stato male ho sempre comunicato per telefono al mio medico la mia assenza per malattia.In seguito mi recavo in ambulatorio a ritirare il certificato.Il medico non mi ha mai visitato ed il certificato veniva emesso sempre sulla parola.Troppo occupati i medici per venire a casa e impossibile con la febbre a 39 andare dal medico per la visita.Poiche' in un anno e' facile prendere bronchite o febbre almeno due o tre volte,basterebbe elargire ai dipendenti 15 giorni all'anno da poter usufruire in caso di malattia,senza bisogno del certificato.Superati i 15 giorni concessi,ogni giorno di malattia verrebbe scalato dai giorni di ferie.Finiti i giorni di ferie, dallo stipendio.I furbi sparirebbero.In caso di ricovero o malattia grave riconosciuta da un ospedale e non dal medico curante,la malattia verrebbe pienamente retribuita.
2017-07-05 14:04:47
Quindi praticamente vorresti 15 giorni di ferie in più all'anno. Si vede che lavori nella P.A.. Ti vorrei vedere se avessi un'attività propria.
13
  • 56
QUICKMAP