Lorenzin: «I No Vacs mettono a rischio non solo i loro bambini»

di Mario Ajello
L’euforia. La gioia, tanta, per una decisione che tutela la salute dei bambini e di tutti i cittadini. «Come sto? Sono felicissima!». Eccola Beatrice Lorenzin, il ministro combattente. Si è spesa in maniera arci-convinta per quella che secondo lei, e secondo tanti, è una battaglia di civiltà e di progresso. Non era così scontato che si portasse a casa l’obiettivo in tempi così rapidi, e pienamente, visti gli stop and go che sulla questione vaccini si sono registrati negli scorsi...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 20 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 22-05-2017 12:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 27 commenti presenti
2017-06-07 23:03:33
La ministra, reduce dal decreto salva medici (o meglio, salva assicurazioni) fa sfoggio delle sue competenze in materia sanitaria...studio medicina classica.....
2017-06-07 17:11:59
Scusate quasi dimenticavo... Italiani, sapete vero che l’Italia guiderà nei prossimi cinque anni le strategie e le campagne vaccinali nel mondo? Ora fate uno più uno e... quando si dice il caso, vero?
2017-06-07 17:07:40
Detto da un Ministro che per passare alla storia mette a rischio i cittadini di una intera Nazione c'è proprio da credergli. Una domanda Sig. Ministro: visti i precedenti dei vaccini sui vaccinati, pensa di contribuire con i suoi risparmi-entrate al risarcimento dei medesimi o come accade quasi sempre al legislatore, se ne tira fuori?
2017-05-25 19:41:16
"Vaccini obbligatori oggi vince la salute". Beh, dipende dai vaccini che vogliono inoculare nelle nostre vene. Allora diciamo che oggi...vince Big Pharma, col suo dindarolo che si riempie di piccioli.
2017-05-23 21:07:37
A mio avviso il vaccino non è scontato. Esso resta sempre un farmaco che può anche far male, procurare danni. Se permettete vorrei decidere se assumere o meno un farmaco, un'imposizione che riguarda la sfera privata a me pare poco democratica, per dirlo con un eufemismo. La realtà è che qui qualcuno si crede onnipotente al punto che si sente in diritto di decidere del destino degli altri. Chi si è occupato di ricerca scientifica sa nella scienza non ci sono certezze ma solo paradigmi predominanti che resistono finché non sono sostituiti da altri più convincenti. Il vaccino è il prodotto della medicina ufficiale però esistono molte medicine alternative con altri approcci ai problemi della salute. Anche se sono minoritarie hanno il diritto a non essere soppresse dal pensiero unico.
27
  • 515
QUICKMAP