Unioni civili, ok del Senato. C'è il caso verdiniani. M5S non vota. Renzi: ha vinto l'amore

Il Senato ha approvato la fiducia posta dal governo sul Ddl Cirinnà, così come emendato dopo l'accordo che ha stralciato l'articolo relativo la stepchild adoption e l'obbligo di fedeltà. 173 voti favorevoli, 71 contrari e nessun astenuto; 245 senatori presenti e 244 votanti. Il provvedimento ora passa alla Camera. La discussione generale sul maxiemendamento, ha spiegato il presidente del Senato Pietro Grasso, si terrà domani mattina dopo il parere della commissione Bilancio.

«La giornata di oggi resterà nella cronaca di questa Legislatura e nella storia del nostro Paese. Abbiamo legato la permanenza in vita del governo a una battaglia per i diritti mettendo la fiducia. Non era accaduto prima, non è stato facile adesso. Ma era giusto farlo», ha subito scritto Matteo Renzi su Facebook. E ancora: «Leggo critiche, accuse, insulti. Rispetto tutti e ciascuno dal profondo del cuore. Ma quel che conta è che stasera tanti cittadini italiani si sentiranno meno soli, più comunità. Ha vinto la speranza contro la paura. Ha vinto il coraggio contro la discriminazione. Ha vinto l'amore». «Se come minaccia qualcuno io andrò a casa perché 'colpevole' di aver ampliato i diritti senza aver fatto male a nessuno, lo farò a testa alta. Perché oggi l'Italia è un Paese più forte. Perché oggi siamo tutti più forti».

Un applauso dei banchi del Pd ha segnato l'annuncio dell'ok alla fiducia. Felice Monica Cirinnà, che ha ascoltato il presidente Grasso abbracciata a Giuseppe Lumia. Subito dopo, la senatrice ha scambiato un abbraccio con il collega Andrea Marcucci. Prima di lasciare l'Aula, c'è stata anche una stretta di mano tra Monica Cirinnà e Carlo Giovanardi.

I senatori del M5S non hanno partecipato alle votazioni, uscendo dall'aula. 18 senatori di Ala su 19, invece, hanno votato la fiducia al governo (l'unico senatore di Ala che non ha votato è Antonio Scavone, che non era a Roma). Senza di loro il governo avrebbe avuto 155 voti. I verdiniani risultano dunque determinanti per raggiungere la soglia della maggioranza assoluta a Palazzo madama, che è a quota 161. 
I verdiniani voteranno compatti la fiducia, aveva annunciato il presidente di Ala, Lucio Barani, al termine della riunione del gruppo che si è tenuta in Senato. «I numeri dimostrano che il gruppo Ala è stato decisivo nel voto di fiducia al governo Renzi. I voti dei verdiniani, infatti, sostituiscono le defezioni del Ncd e del Pd su una legge sui diritti civili mai discussa né in commissione né in Aula. Questa trasformazione non può passare sotto silenzio, ci aspettiamo quindi che il Presidente del Consiglio, Renzi, ne tragga le dovute conseguenze e salga al Quirinale per formalizzare con il Presidente della Repubblica, Mattarella, la nuova maggioranza governativa», dichiara Paolo Romani, presidente del gruppo Forza Italia al Senato. In una nota il senatore Denis Verdini, leader di Ala che parla di «contributo essenziale» del suo gruppo.

Sono tre i senatori del Pd che non hanno votato la fiducia sul ddl Cirinnà: Sergio Zavoli, Luigi Manconi e Felice Casson. Non hanno preso parte al voto nemmeno il segretario dei socialisti Riccardo Nencini e l'ex di Scelta Civica Maria Paola Merloni (ora al gruppo misto). Nencini, a quanto si apprende, è in missione per conto del governo. La sua assenza non ha quindi motivazioni politiche: il viceministro ai Trasporti più volte si è detto favorevole alla legge. Sergio Zavoli, invece, era assente in Aula per motivi di salute. Sei gli assenti tra i senatori di Ap: questi non hanno votato la fiducia in dissenso dal gruppo. Si tratta dei senatori Maurizio Sacconi, Roberto Formigoni, Gabriele Albertini, Giuseppe Esposito, Aldo Di Biagio e Giuseppe Marinello.


Il ministro Andrea Orlando ha commentato così le polemiche sul sì di Ala alla fiducia: «Questo voto non certifica» l'ingresso in maggioranza, ha detto. «Ieri i senatori di Ala non hanno votato la fiducia» sul Milleproroghe, quindi il sì di oggi «non ha alcuna implicazione politica».

Il voto è stato preceduto dai malumori creati dall'intervento del ministro dell'Interno Angelino Alfano che ha rivendicato il merito di aver impedito l'approvazione di una legge
«contro natura». «Abbiamo impedito una rivoluzione contro-natura e antropologica», ha detto il leader di Ap parlando a margine del consiglio Ue Interni in merito alle modifiche apportate al ddl. «Ha vinto il buonsenso perché è assolutamente di buonsenso dare più diritto ai soggetti anche dello stesso sesso che compongono un'unione e al tempo stesso l'istituto giuridico del matrimonio è ben distinto da quello dell'unione», ha spiegato Alfano. «È stato un bel regalo all'Italia aver impedito che due persone dello stesso sesso, cui lo impedisce la natura, avessero la possibilità di avere un figlio. Abbiamo impedito una rivoluzione contro-natura e antropologica».

«Credo che oggi dovrebbe prevalere il buon senso anche nelle dichiarazioni. Il regalo all'Italia è consentire alla Costituzione di trovare piena applicazione e di affermare finalmente che il progetto di vita tra due persone dello stesso sesso non vale meno di quello tra un uomo e una donna. Il regalo all'Italia è dire che non ci sono cittadini di serie B. E questa legge va nella direzione giusta», ha detto il ministro per le riforme e i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi. 

«Trovo le parole del ministro Alfano gravissime, soprattutto perché pronunciate da chi ricopre un ruolo di rilievo di governo. Definire una 'rivoluzione contronatura' l'adozione del figlio del partner in una coppia omosessuale - perché è questo il trofeo che il ministro esibisce - nega semplicemente la realtà di tante famiglie arcobaleno che oggi riversano un amore infinito su bambini che trovano in quelle case calore, protezione e serenità. Quando in discussione entrano gli affetti più intimi e profondi credo che dovremmo avere tutti l'umiltà di riflettere sul peso delle nostre parole. Spero che Renzi trovi il modo per prendere le distanze dal suo ministro», dice Gianni Cuperlo, uno dei leader della minoranza Pd. Il senatore Felice Casson ha annunciato in aula che non parteciperà al voto di fiducia sul maxiemendamento alle unioni civili.

«Vedo cattolici che giudicano il cattolicesimo degli altri, secondo il loro personale metro di Verità e ortodossia. Io, che non amo giudicare, mi ispiro a quanto ci ha insegnato San Giovanni Paolo II nell'enciclica Evangelium vitae del 1995, al numero 73», ha scritto più tardi Alfano, su Facebook. «Quando non fosse possibile scongiurare o abrogare una legge (intrinsecamente ingiusta) - ha proseguito citando Wojtyla - un parlamentare la cui personale assoluta opposizione... fosse chiara e a tutti nota, potrebbe lecitamente offrire il proprio sostegno a proposte mirate a limitare i danni di una tale legge e a diminuire gli effetti negativi sul piano della cultura e della moralità pubblica. Così facendo infatti non si attua una collaborazione illecita a una legge ingiusta, piuttosto si compie un legittimo e doveroso tentativo di limitarne gli effetti iniqui».
Giovedì 25 Febbraio 2016 - Ultimo aggiornamento: 26-02-2016 09:11

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2016-02-25 10:48:50
Le associazioni Lgbt protestano...Beh, le associazioni Lgbt si diano una calmata e la smettano di pretendere ciò che la natura stessa nega loro. Un minore insieme ad una coppia di cattivi maestri quali potrebbero essere due gay o due lesbiche avrebbe solo da guadagnare (si fa per dire) danni morali, psicologigi e comportamentali. Fatela finita con le vostre assurde pretese. CATTIVI MAESTRI!
2016-02-25 12:29:19
Trovo vergognosa la dichiarazione del Mistero Alfano dire ch'è stato un bel regalo per il nostro paese" dare una legge che impedisca alle persone dello stesso sesso ;dare la possibilità di avere dei figli, in quanto contro natura e antropologica..." Ritengo sia una affermazione, profondamente omofoba,e discriminatoria..
2016-02-25 12:55:06
per me e' contro natura avere al governo questi non eletti INCAPACI che ogni giorno con tutti i veri seri problemi che ha il paese non parlano d'altro che di unioni civili che...se ammettono che le adozioni sono contro natura lo sono altrettanto queste unioni.
2016-02-25 13:04:57
premesso che io sono personalmente favorevole sia alle unioni civili che ai matrimoni tra omosessuali di qualsiasi sesso, nonche' all'adozione dei figli del partner - sia esso dello stesso o di un altro sesso - la cosa che fa indignare e' che un parlamento eletto con una legge elettorale anticostituzionale continui a supportare a colpi di fiducia "rimediata" tra NCD e Verdini un governo guidato da un non eletto non votato da nessuno, il sig. Renzi. Quindi ora popolo italico vi ritroverete con una legge che non e' ne' carne ne' pesce, niente adozioni quindi niente diritti per i bambini (che non rimarranno bambini per sempre come invece credono i moralisti con gli occhi fasciati di prosciutto), niente riconoscimento delle eredita' per i figli, niente vincolo di fedelta' nelle unioni fra omosessuali, che quindi sono si' pseudo-riconosciute nei diritti, ma non hanno gli stessi obblighi delle unioni eterosessuali, coppie di fatto, matrimoni. Ditemi voi se vi sembra normale: o si hanno gli stessi diritti E gli stessi doveri, oppure era meglio come era prima. Bah
2016-02-25 13:29:55
Alfano non ha ancora capito che le adozioni non centrano propio niente! Qui si parla dell'adozione del figlio del partner in caso di morte dello stesso, se si pensa al bene del bambino allora il bene del bambino e' quello di restare nella famiglia dove cresce quindi con il partner del suo papa naturale o della sua mamma naturale! Invece per pura miopia ideologica NON si fa l'interesse del bambino che gia deve affrontare la perdita del genitore ... cosi deve anche finire in un'istituto invece di vivere con un adulto che lo ama! Ma dove sarebbe l'intesse del bambino??? Alfano e' un bigotto PUNTO
25
QUICKMAP