Il tavolo Calenda/ Il Patto per Roma diventi l’impegno delle nuove Camere

di Virman Cusenza
Che cosa fare di Roma? Lasciarla marcire sul piano inclinato dell’oblio, figlio di una colpevole e generale indifferenza? O risollevarla, tirandola fuori dal cono d’ombra che non merita, grazie ad un ritrovato spirito di squadra che sulle sponde del Tevere non si vede ormai da qualche lustro? Martedì 17 ottobre, quasi a smentire la superstizione dei detrattori, una prima risposta finalmente in controtendenza è arrivata dal tavolo per Roma. Se vogliamo evitare trionfalismi di maniera, ma restare agganciati ad un sano realismo si tratta di una piccola-grande scossa al torpore che attanaglia la Capitale che meritoriamente ha avuto l’epicentro nel ministero dello Sviluppo economico guidato da Carlo Calenda. Sfidando i venti contrari e lo scetticismo della vigilia che spirava inizialmente, su fronti opposti, soprattutto dentro il Pd e in Campidoglio, il ministro ha voluto mettere attorno allo stesso tavolo chi oggi ha responsabilità e ruolo per tirar fuori Roma dal pantano: dal sindaco Raggi al governatore Zingaretti, passando per industriali, commercianti e sindacati. 

Si coglie una prima risposta operativa allo sconfortante quadro economico che il Messaggero ha anticipato nelle scorse settimane attraverso la radiografia impietosa del ministero sullo stato di salute della Capitale. Sono state indicate priorità e risorse a disposizione. La messa in comune dei fondi e dei progetti da parte delle istituzioni protagoniste ha un effetto di moltiplicazione e di accelerazione. Le risorse si sommano (due miliardi), i ritmi serrati imposti al tavolo dovrebbero consentire di arrivare ai piani operativi entro dicembre. 

Cambia il metodo e nasce una cabina di regia permanente per valutare i risultati. Che ci sia la volontà di evitare lo spot d’occasione è dimostrato dal fatto che questo organismo è destinato a sopravvivere agli attuali rappresentanti istituzionali: da Calenda alla Raggi a Zingaretti.

Un segnale da apprezzare soprattutto perché arriva alla vigilia di una estenuante campagna elettorale in cui Roma potrebbe finire strattonata e giocata a rimpiattino in modo strumentale tra le forze politiche. Il segreto di questa inedita fumata bianca sta tutto nel cambio di mentalità a cui sembrano ispirarsi i protagonisti. Un togliersi la casacca di appartenenza per militare finalmente nella stessa squadra: quella di Roma non solo come città municipale ma soprattutto per quella che è la sua vera vocazione: essere Capitale degna e giustamente orgogliosa di tale compito. Per la prima volta una altrimenti sempre riluttante Raggi si ritrova dentro e non fuori un processo istituzionale di ampio respiro, senza più quei no aprioristici e barricaderi che finora l’hanno contraddistinta in fasi cruciali al governo della Capitale. 

Vigileremo su questo percorso, raccontando ai nostri lettori i fatti che ne scaturiranno. Pronti a denunciare eventualmente le promesse tradite. Ma intanto chiediamo una rivoluzione copernicana che deve seguire all’avvio positivo di martedì. La priorità Roma va proiettata nella prossima legislatura, tenendo la città al di fuori e al di sopra della mischia politica. Mettendola al riparo dalle misere contese partitiche e aiutandola a recuperare quella centralità che, per quasi tutti gli ultimi cinque anni, l’hanno vista nei paradossali e impropri panni di Cenerentola. Questo implicito, ma speriamo presto esplicito, Patto per Roma diventi uno degli impegni imprescindibili della prossima legislatura. Magari riflettendo sulla necessità di dare uno statuto diverso alla Capitale come accade ad altri più illuminati esempi (vedi il governatorato di Parigi). 

«Ma che andate a fare a Roma se non avete una grande idea?». Chiosava lo storico tedesco Theodor Mommsen scrivendo al nostro Quintino Sella nel secolo scorso sul limitare dell’Unità d’Italia. E la stessa domanda va riposta alle forze politiche tutte, romane e non, alla vigilia della presentazione dei loro programmi e speriamo anche delle loro ambizioni, in cima alle quali deve esserci l’urgenza della nuova “questione romana”. Perché va benissimo il tavolo appena partito con il realistico obiettivo di rianimare una città sfiancata e bisognosa dei servizi essenziali, ma è anche all’orizzonte che bisogna guardare con coraggio. E’ ad una grande idea che bisogna puntare per caratterizzare la nostra Capitale, mettendola a confronto e al tempo stesso distinguendola da Berlino, Londra o Parigi. Non una piccola Disneyland del turismo low cost ma qualcosa di vitale, efficiente e grandioso che non ne tradisca la storia. Buon lavoro.
Giovedì 19 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 21-10-2017 07:54

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-10-20 05:12:32
L'articolo è chiarissimo: industriali, commercianti e sindacati vogliono preparare dei progetti finanziati da soldi pubblici che verranno poi eseguiti chiunque rimanga al vertice di Roma, della regione Lazio, del Governo. È, comunque, un bellissimo spot elettorale del PD. Paolo Diamante Roma
2017-10-19 03:40:21
QIwata urgenza improvvIsa di cooperare con la giunta capitolina, nonostante le buone intenzioni, non è altro che una mossa del PD per salvarsi la faccia in vista delle prossime elezioni. Sicuramente qualcosa di positivo con questo tavolo si materializzerà nel corto termine ma è soltanto una mossa politica
2017-10-20 08:46:44
La dietrologia è uno degli sport più praticati da chi vive di sospetti.
3
  • 36
QUICKMAP