Rimborsi M5S, Renzi: «Una truffa acclarata, Di Maio dica quanti sono coinvolti»

L'affaire dei rimborsi è una «truffa acclarata» messa in atto da «moralizzatori senza morale» che hanno "pontificato" sui comportamenti altrui che adesso restano in lista e, al contrario di quello che dice Luigi Di Maio, non potranno essere allontanati. Quindi, gli elettori se li ritroveranno sulla scheda il 4 marzo alle elezioni politiche. Lo ha detto il segretario del Pd, Matteo Renzi, parlando a «No Stop News» su Rtl 102.5 della vicenda del mancato versamento dei rimborsi dei parlamentari 5Stelle.

«Il dente - ha aggiunto Renzi - se lo deve togliere Di Maio, perché la vicenda in sé non è importante per i soldi che mancano. Quello è un problema dei 5Stelle. Sono sei-sette anni che ci fanno la morale, che loro sono più bravi perché restituiscono i soldi... ma siccome ci sono delle truffe evidenti, acclarate, penso che chi abbia la responsabilità debba dire come stanno le cose. Si sono presentati come diversi dagli altri e invece sono come tutti gli altri».

«Il problema non è tanto l'entità del rimborso mancato, il punto è che alla fine non si sa più chi è il candidato. Di Maio dice 'questo non è dei nostri, non lo candidiamò. Parlo di Dessì, di Cecconi o Martelli. Hanno combinato dei pasticci ma restano in lista. Un cittadino che vuole votare 5Stelle non è che si può fidare di un tweet, e se un cittadino vota 5Stelle contribuisce a eleggere un truffatore o uno scroccone, come li chiamano loro». «Di Maio - ha concluso Renzi - si tolga il dente e dica tutti insieme i nomi di quelli cha hanno truffato, altrimenti danno l'idea di considerare gli italiani un popolo di rincoglioniti. Dica la verità, ma senza farci la morale. Perché i moralizzatori senza morale non funzionano».
Martedì 13 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 09:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2018-02-14 12:39:44
L'asino piu' sciocco e' quello che raglia piu' forte. Forse nel suo caso, nel maldestro tentativo di farsi perdonare i suoi troppi fallimenti.
2018-02-14 12:37:08
Non si puo' piu' sentire !! Pensasse alle truffe fatte dal suo partito, allo scandalo dei miliardi per ripianare i buchi delle banche dopo prestiti sospetti dati ai suoi amichetti, alla Banca Etruria ed al Montepaschi, queste si truffe e non alle furbate di qualche 5 stelle che non ha restituito soldi comunque percepiti legalmente.
2018-02-13 15:17:45
Questo e' ancora niente..vedrete quando uscira' la storia delle imprese a cui sarebbe andato il microcredito generato dai rimborsi dei 5 stelle. Societa' fittizie e di comodo, tramite le quali i soldi gli tornavano in tasca con partite di giro.
2018-02-13 14:12:05
tipicamente, la campagna elettorale va a finire sui soldi presi, non restituiti. nascosti, rubati, ecc. I temi veri, spesa pubblica, sicurezza, politiche dell'immigrazione, ecc. ecc. sono passati in secondo piano. Forse perché latitano le analisi convincenti della situazione e le proposte di soluzione. E allora meglio giocare a chi è più ladro
2018-02-13 13:22:13
Ma non sa di cosa sta parlando, stiamo al delirio, oggi è uscito l'ennesimo problemino del papino, di quello solo il Fatto lo ha riportato.
19
  • 978
QUICKMAP