Il ricorso alla Consulta/ Uno spiraglio sul diritto a decidere sul fine vita

di Cesare Mirabelli
La Corte d’assise di Milano ha aperto a tutto campo le questioni giuridiche poste dalla pratica del suicidio assistito, chiedendo che su di esse si pronunci la Corte costituzionale. Il punto di partenza è l’applicazione dell’articolo 580 del codice penale, che considera reato la «istigazione o aiuto al suicidio», e prevede la reclusione da cinque a dodici anni per chiunque «determina» altri al suicidio o ne rafforza il proposito, ovvero «ne agevola in qualsiasi modo...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Gioved├Č 15 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:40

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP