Pd, scissione più vicina. Renzi: «Non se ne vanno. E addio al voto a giugno»

Renzi
di Alberto Gentili
«Loro stanno chiusi nel palazzo, io giro il Paese». A sera, quando è ormai sul treno per lo riporta a Roma, Matteo Renzi ai suoi racconta il significato della trasferta alla sede storica del Pd milanese, in via Lepetit. «Vado a scovare le persone che possono portare idee, il nuovo programma del Pd parte dal basso». E parte dal laboratorio del renzismo, accompagnato da Tommaso Nannicini e Pietro Bussolati, da quella Milano dove l'ex premier ha ottenuto l'ultimo vero successo con Beppe Sala. E dove la...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 16 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 17-02-2017 08:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2017-02-16 18:16:00
Si faccia chiarezza, una volta per tutte !!! Così si elimina un po' di zavorra !
2017-02-16 17:15:20
In tute le controversie non è affatto vero che ad avere torto sia dolui che impera nella stessa vertenza perchè c'è sempre stata una buona parte di concausa nella colpa. Non so se avete seguito la vertenza di scontro sia politico idealistica che di pratica politica ascoltato l'On.le Speranza e lo stesso Bersani e D'Alema vantare le loro ragioni che, guarda caso, quando comandavano loro altro non seppero fare che farsi gli affari loro e non mettere mai in dubbio se così comportandosi facevano gli interessi sia degli iscritti al PD che alla Stessa popolazione governata da questi che, ancora non se ne erano accorti che in Russia non esisteva più l'URSS di Stalin e Lenin e così erano finite la famose cooperative di lavoro dove uno mangiava e gli altri tiravano la carretta; insomma eravamo gestiti da vecchi idealisti parassiti. Oggi, vivaddio, un gruppo di lavoro, giovanissimi dello stesso PD, sale al potere e tutto il mondo politico e sociale del Mediterraneo e dell'Europa Unita scoprono che l'Europa che i cittadini europei vogliono non è quella delle Banche e dell'economia espansionistica teutonica e Britannica ma quella che si dovrebbe riscontrare in un solo desiderio che è la vera componente umanistica operaia e proletaria di tutta l'Europa. Ed ecco che nel vecchio PD scoppiano quelle rancorose e vecchie utopistiche ideologie conservatore che hanno odore di vecchia muffa delle mura del Cremlino Stalinista. Ebbene, a questo punto non è la linea ideologica Renziana che porta scompiglio ma l'eterna lotta del nuovo emergente e del vecchio conservatorismo stagnante per cui, ergo, come in un corpo vecchio e malato è giusto che sia effettuata una terapia di pulitura delle vene di un sangue ormai pieno solo di scorie urticose e inutili per la crescita della società. nicola guastamacchia
2017-02-16 17:15:08
Ma perche' non se ne va lui, l'intruso ?? E si e si carica pure MariaEtruria, ci fa un favore.
2017-02-16 17:03:19
Con un paese di tifosi non si riesce a parlare di niente se non dello sport di cui ci si interessa. Tifando faziosamente verso i propri idoli e vomitando contro gli avversari. Questa cutura ormai pervade tutti i meandri della società e fa perdere di vista i problemi concreti .... basta che si vince lo scudetto, la coppa , il trofeo. Chissenefrega sull'etica del torneo. Basta che vinciamo. Nella politica è uguale. E tutti giù a tifare e a vomitare contro. I giocatori lo sanno perfettamente e stanno al gioco perchè sono gli unici a guadagnarci. I tifosi si sa pagano il biglietto e comprano le magliette oltre a leggere tutte le scritte pubblicitarie che gli girano intorno. Loro lo sanno. E' il loro mestiere di pescatori di pesci d' acquario.
2017-02-16 16:39:33
xroberto ---------------------------------------------- di per se che i parlamentari maturino una pensione (a 65 anni)avendo versato i relativi contributi,mentre mi scandalizza e molto che se non superano la soglia di 4,5 anni i neoparlamentari non maturano pro quota la pensione ma non hanno neanche indietro i contributi. Mi suona contraddittorio che tutti gli italiano non uo escluso ritengno dovuta e sacra solo la PROPRIA PENSIONE
17
  • 119
QUICKMAP