seguici su Google+ RSS
Sabato 26 Luglio - agg.11:07
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Sicilia, Crocetta annuncia a sorpresa:
«Via le Province e reddito solidarietà»

La Giunta regionale siciliana ha approvato il provvedimento. Il governatore: daremo spazio ai liberi consorzi di Comuni. Alfano: Crocetta non faccia pasticci

Rosario Crocetta

ROMA - Non solo l'abolizione delle Province, ma anche un «reddito di solidarietà» pari a mille euro ai «nuclei abitativi» che si avvicina molto al reddito di cittadinanza. Temi che stanno a cuore ai 5 stelle e che il governatore, Rosario Crocetta, ha deciso di portare avanti con forza, nel segno di quel 'modello Sicilia' che piace a Beppe Grillo e che può fare da assist a Pierluigi Bersani nella complicata partita della formazione del nuovo governo a Roma. In Sicilia la maggioranza ha trovato l'intesa sull'abolizione delle nove Province regionali.

Dopo un vertice a Palazzo d'Orleans con i capigruppo della sua maggioranza, il governatore, Rosario Crocetta, ha convocato la giunta per scrivere il disegno di legge che sopprime gli enti sostituendoli con liberi consorzi tra comuni, come prevede lo statuto speciale. Il testo dovrebbe arrivare domattina in commissione Affari istituzionali dell'Assemblea, convocata con all'ordine del giorno proprio la riforma degli enti. A favore dell'abolizione si erano già espressi i deputati 5 stelle che avevano anche depositato un apposito ddl in commissione. Una parte dei risparmi sarebbe utilizzata per finanziare il reddito minimo di cittadinanza, per una spesa di circa 130 milioni di euro, 12 milioni derivanti dal taglio del costo delle indennità per presidenti, assessori e consiglieri. Crocetta spiega che i dipendenti delle Province saranno assorbiti dai comuni e dalla Regione e che spariranno gli Istituti autonomi case popolari. Il confronto adesso si sposta su altri tavoli.

Domani i vari gruppi parlamentari, di maggioranza e opposizione, si riuniranno per discutere della riforma. Se la maggioranza dovesse confermare all'Ars la linea emersa dal vertice col governatore, la strada allora sarà in discesa. Mettendo in conto i voti favorevoli delle 5 stelle i numeri in aula sono dalla parte del governatore. Ma bisognerà comunque fare i conti con gli altri gruppi d'opposizione. Il Pdl infatti è contrario alla soppressione delle Province e vuol andare al voto a maggio, alla scadenza degli organi elettivi. Il nodo a questo punto sta nei tempi.

La riforma deve essere approvata entro fine mese, comunque prima dell'inizio dei comizi elettorali (il 27 marzo). Se non ci saranno le condizioni, è probabile che si lavori a un testo per il rinvio delle elezioni e la nomina di commissari. Un punto sul quale, però i 5 stelle, nei giorni scorsi, hanno detto di non essere d'accordo. Vogliono l' immediata abolizione. Il capogruppo del Pd all'Ars, Baldo Gucciardi, parla di «momento importante, perchè si supera la vecchia concezione della pubblica amministrazione e si va verso una riforma per l'abbattimento di sprechi ed enti inutili». Soddisfatto anche il segretario regionale dell'Udc, Gianpiero D'Alia, «ora aspettiamo di vedere ed esaminare il testo che il governo sottoporrà ai gruppi parlamentari».

Alfano: sulle Province Crocetta non faccia pasticci. «Il governo Crocetta ha cambiato un sacco di volte opinione sulle province - commenta il segretario del Pdl, Angelino Alfano - Vediamo cosa tireranno fuori stasera e speriamo che non facciano pasticci, perchè i nostri territori hanno l'esigenza di un organo di governo intermedio tra il Comune e la Regione».

Lunedì 04 Marzo 2013 - 13:18
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
«Siete degli asini» la maestra nei guai
CHIETI Avrebbe vessato psicologicamente i suoi alunni di quinta elementare,...
GUARDA TUTTE LE NEWS DELL' ABRUZZO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Whatsapp, 16 "trucchi" che non conosci

WhatsApp ormai è parte integrante della nostra vita. Ecco quindi alcune dritte che potrebbero tornare...

Opera di Roma, confermato lo sciopero. Salta la Boheme a Caracalla

Confermato il nuovo sciopero dell'orchestra dell'Opera di Roma: la Boheme in programma sabato sera...

Scontro mortale sul Gra, camion urta auto in avaria: un morto

Ancora sangue sulle strade di Roma. Ancora un incidente mortale sul Grande Raccordo anulare.

Concordia oggi a Genova. A vuoto le ricerche dell'ultimo disperso

​La Concordia è a metà dell' ultimo viaggio che la porterà a Genova:...

Gaza, scatta la tregua di 12 ore

E' scattato stamani un cessate-il-fuoco umanitario di 12 ore tra Israele e Hamas

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009