«È morto Piero Badaloni». Ma è solo un equivoco. Il giornalista: «Lo so, gira questa voce...»

di Simone Canettieri e Fabio Rossi
«So che gira la voce che io sia morto». Piero Badaloni, giornalista ed ex presidente della Regione Lazio, risponde così al telefono: in molti lo hanno chiamato, in giornata, dopo aver letto su Wikipedia la notizia della scomparsa. A generare l'equivoco un post su Facebook della figlia del cugino, Roberta Badaloni, nel quale dava la triste notizia della morte del padre. Prima che Piero potesse smentire, però, la macchina infernale del web si era già messa in moto, tra tweet pubblicati e poi rimossi. «Ho contribuito a far girare una notizia falsa, in assoluta buona fede - è il mea culpa di Andrea Sarubbi, giornalista ed ex parlamentare - Come giornalista, mi dispiace e chiedo scusa. Come persona, mi dispiace per Roberta e suo papà. E allo stesso tempo, se posso dirlo, sono contento per Piero».
 



«E' da qualche ora che non faccio altro che rispondere a telefonate - racconta Badaloni al Messaggero - Il corto circuito nasce dai social network e dal post scritto da Roberta che, lavorando in Rai, tutti pensano sia mia figlia. Fortunatamente sono vivo e vegeto. Non è la prima volta che Wikipedia fa un errore nei miei confronti. tempo fa mi attribuì un avviso di garanzia mai preso». Ma stavolta il panico generato dalla falsa notizia, tra amici e colleghi, è stato ben maggiore. 
Giovedì 28 Gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: 29-01-2016 09:29

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP