Meloni: «Aggredita con sputi dai centri sociali a Livorno»

È stata raggiunta anche da una bottiglia di plastica e da uno sputo, Giorgia Meloni, durante la contestazione di oggi a Livorno. Lo rendono noto dal partito di Fratelli d'Italia della Toscana: la bottiglia è stata lanciata mentre Meloni stava salendo in auto per lasciare la città. La leader di Fdi non ha riportato conseguenze, è stato ancora spiegato.

Nel corso della contestazione a Livorno, i manifestanti hanno intonato anche cori contro la leader Fdi che dicevano "Giorgia Meloni a testa in giù" e "Devi scoppiare fascista".

 
L'auto è stata circondata dai manifestanti: il veicolo, che era protetto dalle forze dell'ordine, è comunque riuscito a partire alla volta di Pontedera (Pisa), dove Meloni aveva in programma un'altra iniziativa. Secondo quanto spiegato da Fdi sarebbero stati tirati calci alla macchina. Tra quanti hanno preso parte alla contestazione, secondo quanto appreso, ci sarebbero persone appartenenti all'area antagonista. 

«A Livorno oggi le due Italie che si confrontano il prossimo 4 marzo: da una parte Fratelli d'Italia che parla con i commercianti, con le persone comuni, di sicurezza, di tutela del piccolo commercio, di identità, di marchio italiano. Dall'altra i soliti quattro deficienti dei centri sociali che quattro giorni fa in branco prendevano a calci un brigadiere dei carabinieri mentre era a terra e che oggi vogliono impedire a me di parlare. Scegliete da che parte stare, italiani. Scegliete se stare dalla parte degli antidemocratici o della democrazia e della libertà», ha commentato Meloni. In una nota del partito si afferma che Meloni «è stata aggredita dai centri sociali con sputi, cori e lanci di bottiglie e che non ha potuto ultimare il giro di incontri con i commercianti e i cittadini come previsto dell'agenda degli appuntamenti della giornata». «Ringrazio il lavoro impagabile delle nostre forze dell'ordine che hanno svolto anche oggi un servizio esemplare per fronteggiare i soliti vigliacchi dei centri sociali che volevano impedirmi di passeggiare e incontrare i commercianti», ha aggiunto Meloni.

 
Martedì 13 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-02-2018 18:11

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 76 commenti presenti
2018-02-14 20:06:31
i soliti vigliacchi ipocriti pacifinti allergici ad acqua e sapone. Se non la pensi come me spacco tutto, aggredisco, insulto... Solo per spazzare via chi difende questi straccioni dai posti di potere bisogna andare a votare e NON astenersi. Un altro governo di sinistra e l'Italia sarebbe rovinata per sempre
2018-02-14 17:15:00
Questa è la cultura "democratica" dei centri sociali, quello che è successo a Piacenza non è bastato, questa gentaglia non ha più il diritto di manifestare in alcun modo i loro precedenti infantili dicono tutto e sputare ad una donna è proprio da vili infami.
2018-02-14 16:52:31
Loro sì che sono i veri antifascisti. Peccato che usino gli stessi metodi, verbali, umorali (saliva) e strumentali (manganelli), del 1922. Manca, per ora, solo l'olio di ricino. Ma tornerà anche quello. Sveglia! Ci stiamo consolidando, supinamente, in una dittatura della (sparuta) minoranza, e saranno problemi gravi per tutti. Io li manderei nelle miniere del Sulcis; secondo me, si stancherebbero presto ed avrebbero meno tempo per prevaricare il prossimo.
2018-02-14 16:05:44
devo andarci a Livorno, deve essere proprio una bella città
2018-02-14 19:51:27
io ci manderei anche tante risorse che abbiamo qui a Roma, mi basterebbe quelle che allietano i paraggi di Piazza Vittorio. *** (; - BdV/Anchise
76
  • 2,4 mila
QUICKMAP