M5S, l'ira della Lombardi sotto assedio nel Lazio: «Piccolo ritardo, ma restituiti 155 mila euro»

di Simone Canettieri
Appena eletta in Parlamento, era il 2013, sfidò l'ironia del web perché le rubarono il portafoglio con tutti gli scontrini da rendicontare («E ora come faccio?»). Passati cinque anni, Roberta Lombardi, la pasionaria del M5S candidata alla presidenza della Regione si trova alle prese con un altro caso. Il Pd l'accusa di essersi fermata con i bonifici destinati al fondo per le microimprese a settembre. E soprattutto di aver speso troppo. Lei non ci sta e attacca: «Non solo ho rendicontato sia ottobre che...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 13 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 08:23

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-02-13 10:07:48
Ma come si fĂ  a votare questa persona? Speriamo che spariscano dalla politica non sono credibili.............
2018-02-13 09:36:17
Vuole recuperati gli scontrini persi, speriamo che i laziali non siano tanto ...... per votarti.
2018-02-13 08:41:58
So na comica sti 5 Stelle. Beccati cor sorcio in bocca, ora si giustificano con piccoli ritardi!!! Come se chi fino a ieri prendeva le mazzette, ora che ci sono le elezioni, dice che era un prestito e li restituisce.. AHHHAHHAHHAHAHAHAHHAHHH
3
  • 283
QUICKMAP