Libri, la proposta del governo: «Detassare chi legge»

Una detrazione dalle imposte sul reddito delle persone fisiche per gli acquisti di libri, quotidiani e periodici in formato cartaceo e digitale, pari al 19% dell'importo speso nel corso dell'anno. È la proposta al governo della Filiera della Carta che include le sigle Acimga, Aie, Argi, Asig, Assocarta, Assografici e Fieg. Portavoce dell'iniziativa, annunciata in un incontro a Tempo di Libri, il vice presidente di Assocarta, Paolo Mattei.

«In Italia si legge poco o niente - ha detto Mattei -. A nostro parere bisogna istituire una forma di agevolazione per chi legge e un invito al 'consumò per chi non legge». La copertura per l'intervento, si legge nel testo della proposta, sarebbe limitata a un valore annuo inferiore ai 200 milioni di euro, «importo peraltro più basso di quello stanziato per il bonus giovani e di gran lunga più ridotto rispetto a quello in progetto per il sostegno al mondo del cinema. Noi chiediamo al governo un intervento strutturale, non un bonus».
Giovedì 20 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:11

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-04-20 16:50:40
Buona iniziativa per chi già legge e acquista libri,ma chi non legge continuerà a farlo.
1
  • 437
QUICKMAP