seguici su Google+ RSS
Sabato 26 Luglio - agg.17:10
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

La segretaria di Bersani indagata per truffa alla Regione Emilia

Zoia Veronesi da tempo non è più dipendente regionale ma lavora per il Pd. L'indagine nasce da un esposto di un deputato ex Pdl

Zoia Veronesi

BOLOGNA - Zoia Veronesi, storica segretaria del segretario del Pd Pier Luigi Bersani, è indagata alla Procura di Bologna per truffa aggravata ai danni della Regione Emilia-Romagna.


L'inchiesta.
A mettere in moto l'inchiesta fu nel 2010 un esposto del deputato Enzo Raisi (ex Pdl, ora Fli), in cui si ipotizzava la creazione di un incarico appositamente per lei da parte della Regione per cui lavorava, che le consentisse di continuare a seguire a Roma l'attività del segretario del Pd ed ex presidente della Regione. La Veronesi, da tempo, non è più dipendente regionale, ma lavora per il Pd. «Il pubblico ministero - ha spiegato, interpellato dai giornalisti il difensore avvocato Paolo Trombetti - ci ha invitato a rendere interrogatorio: cosa che faremo senz'altro perchè abbiamo interesse a chiarire che non c'è stata nessuna irregolarità da parte di chiunque, tanto meno della signora Veronesi».

La replica del Pd: tutto regolare.
Zoia Veronesi circa un paio di settimane fa ha ricevuto un avviso a comparire in cui si ipotizza la truffa ai danni della Regione Emilia-Romagna. Al centro dell'inchiesta, condotta dal Pm Giuseppe Di Giorgio, il suo ruolo avuto a Roma da parte della Regione come 'raccordo con le istituzioni centrali e con il parlamento'. Negli accertamenti compiuti dalla magistratura però non sarebbe stata trovata traccia di questa attività di cui era incaricata Veronesi. L'ammontare della truffa sarebbe relativo alla retribuzione avuta dalla Regione per l'anno e mezzo circa in cui ha ricoperto l'incarico. Poi si è dimessa ed è stata assunta dal Pd.

«L'ipotesi di reato - ha spiegato Trombetti - viene respinta, come verrà dimostrato nell'interrogatorio. È tutto regolare e senza ombre. Si tratta di una vicenda in cui nulla le può essere rimproverato». Raisi aveva presentato l'esposto su Veronesi il 19 marzo 2010, insieme ad altri esposti riguardanti la Regione. Venivano segnalate presunte anomalie o irregolarità sull'incarico assegnato all'ex segretaria di Pierluigi Bersani, come 'dirigente professionalè per il raccordo con le istituzioni centrali e il Parlamento (ruolo che, secondo Raisi, le avrebbe permesso di continuare a lavorare per il segretario Pd). La stessa Veronesi in alcune interviste comparse allora sulla stampa locale aveva spiegato di essere una dipendente regionale con orario di lavoro di 36 ore: «Nel tempo libero e nei week end faccio quello che mi pare gratuitamente». Rispetto a Bersani, Veronesi aveva spiegato di aver cominciato a lavorare con lui 18 anni prima «in una sede di partito. Poi sono stata la sua segretaria quando è stato presidente della Regione. L'ho seguito come segretaria quando è stato ministro chiedendo l'aspettativa dalla Regione».

Veronesi aveva aggiunto che Bersani, quando è diventato segretario Pd, le aveva chiesto se era disponibile a lavorare con lui. E le decisione era stata di andare a lavorare con lui, dopo avere annunciato il 28 gennaio 2010 le dimissioni, diventate tali dopo i due mesi di preavviso. La posizione che rivestiva per la Regione era stata poi soppressa, e questo fatto era stato oggetto di una interpellanza regionale del Pdl.

«Ogni volta che ci sono le primarie esce questa storia della segretaria di Bersani». Dallo staff del segretario del Pd reagiscono così alla notizia che la storica segretaria di Bersani Zoia Veronesi è indagata per truffa ai danni della Regione Emilia Romagna. Nel 2009, spiegano i collaboratori del leader Pd, durante la corsa di Bersani per le primarie alla segreteria, uscì la notizia dell'esposto di Enzo Raisi contro Veronesi sostenendo che, dopo aver terminato l'esperienza al ministero dello Sviluppo, per Veronesi si creò un incarico ad hoc per lei da parte della Regione per cui lavorava, che le consentisse di continuare a seguire a Roma l'attività del segretario del Pd ed ex presidente della Regione. Dopo la vittoria di Bersani alle primarie, aggiungono dallo staff di Bersani, Veronesi si è poi dimessa dall'incarico in Regione.

Mercoledì 24 Ottobre 2012 - 14:21
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Whatsapp, 16 "trucchi" che non conosci

WhatsApp ormai è parte integrante della nostra vita. Ecco quindi alcune dritte che potrebbero tornare...

Gaza, salgono a mille i morti palestinesi nei raid israeliani. In vigore la tregua di 12 ore

E' in vigore un cessate-il-fuoco umanitario di 12 ore tra Israele e Hamas

Scontro mortale sul Gra, camion urta auto in avaria: un morto

Ancora sangue sulle strade di Roma. Ancora un incidente mortale sul Grande Raccordo anulare.

Opera di Roma, confermato lo sciopero. Salta la Boheme a Caracalla

Confermato il nuovo sciopero dell'orchestra dell'Opera di Roma: la Boheme in programma sabato sera...

Mazzette ai vigili, negozianti vessati. Dai pranzi offerti alla manicure gratis: ecco le richieste per evitare la multa

Nel passato si accontentavano di non pagare il conto. Oggi arrivano a chiedere gratis pure l'amaro. E...

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009