Rischio numeri, lo ius soli affonda, il Senato cancella il voto dal calendario. Il Pd: «Non c'è maggioranza»

di Claudio Marincola
Ius soli rinviato a data da destinarsi: la legge sulla cittadinanza per i cittadini stranieri nati in Italia non sarà votata nemmeno a settembre. Così ha stabilito la Conferenza dei capigruppo del Senato e così ha confermato l'aula. Uno slittamento che rende evidente la volontà del Pd di non forzare la mano nella maggioranza, privilegiando l'alleanza e gli equilibri con Ap, contraria al testo, e che conferma per l'ennesima volta l'incertezza dei numeri a Palazzo Mdama della coalizione che sostiene il governo. Ammette Luigi Zanda, capogruppo dem al Senato: «Le leggi hanno bisogno di una maggioranza e in questo momento non c'è. I gruppi che hanno votato il provvedimento alla Camera - spiega - mostrano di non volerlo votare in Senato».

GLI EQUILIBRI
Il governo non vuole neppure rischiare di turbare i già fragili equilibri della maggioranza prima dell'approvazione, a fine mese, del Def che richiede, includendo la nota di variazione di bilancio, un voto a maggioranza assoluta, ovvero 161 voti, una quota che difficilmente a Palazzo Madama si è raggiunta negli ultimi tempi. Il nuovo stop era nell'aria da giorni e, nonostante l'insistenza della sinistra, il Pd ha deciso di non andare avanti. Mdp e Sinistra italiana, che avrebbero voluto accelerare i tempi e andare avanti sulla cittadinanza parlano di «resa», di «debolezza», ma Anna Finocchiaro, ministra per i Rapporti con il Parlamento, assicura: «Ius soli temperato e ius culturae rappresentano un tassello per noi essenziale». Il varo del provvedimento, osteggiato da Ap e dal centrodestra, è rinviato a data da destinarsi, quando, parole della ministra, ci saranno «le condizioni politiche per approvarlo». Anche se da palazzo Chigi trapelano rassicurazioni alla sinistra: la partita non è ancora del tutto chiusa.
Esultano comunque i centristi di Alfano, per Ap «vince il buon senso visto che le priorità del paese sono altre». Esultano anche le opposizioni da Fi ai grillini, per i quali «una valutazione su una legge così importante andrebbe fatta dai cittadini tramite referendum».

A MONTECITORIO
Alla Camera, nelle stesse ore, si andava avanti con l'esame, e poi con l'approvazione, del reato di propaganda fascista e nazifascista che introduce l'articolo 293-bis del codice penale (261 sì, 122 no e 15 astenuti). Propagandare i contenuti del partito fascista o o di quello nazifascita tedesco, distribuire, produrre, diffondere o vendere «beni o simboli a essi chiaramente riferiti», d'ora in poi potrà comportare la reclusione da sei mesi a 2 anni di carcere. La pena verrà aumentata di un terzo se il reato verrà commesso con l'uso di strumenti telematici o informatici.

LE POSIZIONI
Il primo firmatario della legge, il pd Emanuele Fiano, ha molto insistito sulla necessità del provvedimento, «difendiamo la libertà, condanniamo l'apologia, non vogliamo limitare la libertà di opinione ma impedire che la nostra libertà sia offuscata dal fascismo». E' bastato quel richiamo all'antifascismo 2.0, anche digitale, a ricompattare per un giorno i pianeti dispersi della sinistra ma non a superare le perplessità di tanti, anche democrat, che in camera caritatis, tra un voto e l'altro, confessavano il loro stupore per l'urgenza e l'utilità di un provvedimento di difficile applicazione, che si aggiunge alla legge Scelba del 1952 e alla legge Mancino del 1993. Contrari e accalorati gli interventi di FI, Fdi, Lega Nord e M5S.
Nel testo emendato è scomparsa la parola immagini che avrebbe trasformato il lavoro delle procure in una disputa iconoclasta ma è rimasta l'estensione del reato per chi «pubblicamente propaganda la simbologia e o la gestualità del partito fascista e dei relativi metodi sovversivi del sistema democratico».
Martedì 12 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2017 19:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 120 commenti presenti
2017-09-13 21:57:40
hahahhah capito? un figlio di stranieri in italia è discriminato se non ha la cittadinanza MA BASTA DIRE ASSURDITA'
2017-09-14 11:04:45
Nato e cresciuto, che parla italiano come lingua madre (o meglio il dialetto della città, come i suoi coetanei), che in italia va a scuola. Sì, se viene trattato come cittadino di serie B (o peggio come non cittadino) si tratta di una discriminazione ingiustificata. Urli pure, la cosa non da forza alle sue (peraltro inesistenti) argomentazioni.
2017-09-14 13:08:35
dimostrami il trattamento da serie B visto che parli di argomentazioni inesistenti, quando ti leggo vedo solo fumo. la discriminazione è nella testa di chi discrimina, anzi con le tue parole rafforzi la portata discriminante poichè l' ideologia che promuove questa legge cerca di far passare che lo status di straniero sia di per sè una discriminazione. ebbene io sono lontano anni luce da questa posizione, paradossale ed intrinsecamente razzista. uno straniero vale come gli altri, è per voi che non è così.
2017-09-13 19:13:59
Vigliacchi!!! Hanno paura del popolo sovrano.
2017-09-13 16:20:05
Ho letto bene? Ho capito bene? Praticamente il testo non viene rimandato perché hanno capito che moltissimi italiani sono contrari, o perché forse tra un po' di anni diventeremmo ospiti a casa nostra. Il testo è rimandato per non creare fratture nella maggioranza, per non fare cadere anzi tempo questa legislatura... praticamente per esser sicuri di rimanere tutti lì, dove sono. Scelta molto opportunista, che dimostra che credono solo a quello che gli conviene e quando gli conviene. Svendere un popolo, una nazione, per meri interessi politici, di partito ed economici..... è da criminali
120
  • 167
QUICKMAP