seguici su Facebook Twitter Google+ RSS
Venerdì 18 Aprile - agg.20:11
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Governo Letta: Alfano vice e ministro dell'Interno, Bonino Esteri, Cancellieri Giustizia, Saccomanni Economia

Oggi il giuramento. Napolitano: unico esecutivo possibile. Berlusconi: non abbiamo messo paletti. Giovannini al Lavoro, Zanonato allo Sviluppo, Carozza all'Istruzione. Entrano anche Delrio, Franceschini, Orlando, Idem e Quagliarello

ROMA - Nasce il governo di Enrico Letta. Il premier è salito sabato pomeriggio al Quirinale e dopo l'incontro con il presidente Giorgio Napolitano ha sciolto la riserva e presentato la lista dei ministri: 21, di cui 7 donne, un record per l'Italia, e molti quarantenni. Nove ministri sono del Pd, 5 del Pdl, 3 di Scelta civica e 4 tecnici. L'età media è di 53 anni, contro i 63 del governo Monti. Oggi alle 11.30 al Quirinale il giuramento.

La lista dei ministri

Nasce dunque il governo Letta. Con il segretario del Pdl Angelino Alfano vicepremier e ministro degli Interni, il direttore generale di Bankitalia Fabrizio Saccomanni all'Economia e la leader radicale Emma Bonino agli Esteri. Un governo «politico», dice subito il presidente della Repubblica, con «record di presenza femminile». Tra di loro si segnala la presenza del primo ministro di colore della storia repubblicana: Cecile Kyenge, deputato del Partito democratico che approda al ministero senza portafoglio dell'Integrazione.

Filippo Patroni Griffi, già ministro del governo Monti, resterà al fianco di Letta nella veste di sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio. La presenza di Alfano come vicepremier e titolare del Viminale, suggella invece l'intesa di governo tra Pd e Pdl. Al ministero degli Esteri approda Bonino, trasloca invece dagli Interni alla Giustizia Anna Maria Cancellieri.

Nomi esterni alla politica sono quelli di Saccomanni all'Economia e del presidente dell'Istat Enrico Giovannini al Lavoro e alle Politiche sociali. Al dicastero della Difesa si insedierà Mario Mauro, capogruppo di Scelta civica al Senato. Il sindaco di Padova Flavio Zanonato (Pd) avrà la responsabilità dello Sviluppo economico. Alle Infrastrutture e Trasporti arriva Maurizio Lupi (Pdl), vicepresidente della Camera.

Alle Politiche agricole la deputata Pdl Nunzia De Girolamo, all'Ambiente il deputato Pd Andrea Orlando, all'Istruzione, Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza, ex rettore dell'Istituto Sant'Anna di Pisa e
deputato Pd. Ai Beni e attività culturali e Turismo approda Massimo Bray, direttore editoriale Treccani e deputato Pd. La Salute va alla pidiellina Beatrice Lorenzin.

Quanto ai ministeri senza portafoglio, confermato agli Affari europei il ministro del governo Monti Enzo Moavero Milanesi. Agli Affari regionali e autonomie c'è Graziano Del Rio, presidente dell'Anci. Alla Coesione territoriale il sociologo Carlo Trigilia, ai Rapporti con il Parlamento il deputato Pd Dario FRanceschini, alle Riforme Costituzionali il senatore Pdl Gaetano Quagliariello, all'Integrazione Cecile Kyenge, originaria del Congo, alle Pari opportunità, Sport e Politiche giovanili la campionessa olimpica e senatrice Pd, nata in Germania, Josefa Idem, alla Pubblica amministrazione e semplificazione Gianpiero D'Alia (Udc).

Napolitano: governo politico. «Non c'è bisogno di nessuna formula speciale» quello che nasce «è un governo politico formato nella cornice istituzionale e secondo la prassi» della democrazia parlamentare, ha detto il capo dello Stato.

«Il mio auspicio è che ci sia la massima coesione», ha detto ancora il capo delo Stato.

Il presidente incaricato «è stato l'artefice della nascita di questo governo, io ho assecondato» il suo sforzo, ha continuato il capo dello Stato.

«Voglio esprimere profonda gratitudine al Presidente Giorgio Napolitano», ha esordito il premier. «Voglio esprimere due parole di soddisfazione, sobria soddisfazione, per la squadra di Governo», ha aggiunto Letta prima di leggere la lista dei ministri al Quirinale. «È un governo con una squadra coesa e determinata, fatto di molte competenze, molti giovani e una forte presenza femminile», ha detto ancora Letta.

«Nel necessario compromesso della squadra c'è freschezza e c'è solidità». Così Pier Luigi Bersani commenta il governo formato da Letta.

Berlusconi: non abbiamo messo paletti. «Abbiamo trattato per formazione del governo senza porre alcun paletto, sena impuntarci su nulla eslcudendo persone che fossero ministri in precedenti governi». Lo detto Silvio Berlusconi, intervistato dal Tg5, aggiungendo: «Così abbiamo contribuito a fare un governo in poco tempo».

Franceschini. «Se un amico, vero, chiede una mano in un'avventura così difficile, si risponde di sì. Anche caricandosi il lavoro più difficile e meno visibile». È il tweet di Dario Franceschini, pochi minuti dopo la lettura della lista dei ministri del nuovo governo Letta.

Sabato 27 Aprile 2013 - 08:36
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Decreto Irpef, Renzi alla stretta finale. Bonus da 620 euro, salirà a 950 nel 2015. Tagli agli stipendi: 4 fasce

Il premier Matteo Renzi è alla stretta finale in vista dell'approvazione, domani in consiglio dei...

Renzi: bonus Irpef, via libera 80 euro in più da maggio. Il premier: «I giudici si taglino gli stipendi»

«Sono contento perché smentiamo i gufi che hanno più volte auspicato che non ci fossero...

Uomini ossessionati dalle dimensioni del pene: Milano "capitale" degli interventi

Milano è diventata la capitale della penoplastica. Una media di 20-30 interventi al mese e un record...

Alitalia-Etihad, vertice con governo per salvare la trattativa

Lo strappo consumato da Etihad con la dura lettera di mercoledì, ieri ha costretto Alitalia a correre...

Barbara De Rossi porta in tribunale l'ex fidanzato: avrebbe rivelato particolari intimi della loro relazione

La storia d'amore tra l'attrice romana Barbara De Rossi e il suo ex fidanzato Anthony Manfredonia,...

CASA
Pensioni nel 2014, cresce l'età delle donne
Si allontana il congedo. Nel 2017 pareggio anagrafico tra i due sessi
Case sfitte, quando e perché si paga l'Irpef
La tassa è dovuta per alloggi vuoti nella città di residenza
Guida alla Tasi, prima rata a giugno
Presto le aliquote decise dai Comuni. Il saldo entro il 16 dicembre
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2012 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009