Etruria, Boschi: «L'obiettivo è il Pd, querelerò De Bortoli»

Boschi (lapresse)
«Chi ha sbagliato ad Arezzo ha pagato e pagherà. Spero che accada anche altrove. Ma se vogliamo difendere i cittadini che hanno perso i risparmi da Ferrara a Vicenza, nelle Marche come in Toscana, dobbiamo verificare le vere responsabilità. Noi siamo interessati agli atti, non alle strumentalizzazioni. Qualcuno usa questa vicenda da due anni per attaccare me e il PD. Io penso che sarebbe più giusto fare chiarezza sugli errori fatti da tanti per non sbagliare più». Lo scrive su Facebook il ministro Maria Elena Boschi.

«Torno di nuovo sulla vicenda Banca Etruria. Mi scuserete ma credo sia necessario. Ripeto ciò che ho sempre detto: il fatto che mio padre sia stato per qualche mese vicepresidente della Banca non ha impedito al nostro governo di commissariarlo, come avremmo fatto con chiunque altro si fosse trovato in analoga situazione. La legge è uguale per tutti. Altro che conflitto di interessi: noi - prosegue Boschi - abbiamo mandato a casa quel CdA. La verità è semplice: se mio padre ha commesso reati ne risponderà come privato cittadino. Con tutti i doveri e tutte le garanzie previste dalla legge. Al momento non è neanche rinviato a giudizio. Ma comunque è una sua vicenda personale, certo non del PD. La legge è uguale per tutti
».

«Dal punto di vista politico il nostro comportamento è stato ineccepibile. Nessuno può negare questi due fatti: noi abbiamo commissariato e noi abbiamo lottato contro il sistema sbagliato delle vecchie banche popolari. Si utilizza la vicenda Banca Etruria per mettere in secondo piano le vere vicende, complicate, del sistema bancario italiano. Onestà intellettuale vorrebbe che si riconoscesse che questo atteggiamento è sbagliato e segue l'obiettivo della polemica politica, non della tutela dei risparmiatori. Chi ha sbagliato ad Arezzo ha pagato e pagherà. Spero che accada anche altrove. Ma se vogliamo difendere i cittadini che hanno perso i risparmi da Ferrara a Vicenza, nelle Marche come in Toscana, dobbiamo verificare le vere responsabilità. Noi siamo interessati agli atti, non alle strumentalizzazioni. Qualcuno usa questa vicenda da due anni per attaccare me e il PD. Io penso che sarebbe più giusto fare chiarezza sugli errori fatti da tanti per non sbagliare più. Esiste poi un lato più personale: ho firmato oggi il mandato per l'azione civile di risarcimento danni nei confronti del dottor Ferruccio de Bortoli. A breve - aggiunge Boschi - procederò anche nei confronti di altri giornalisti. Mi spiace dover adire le vie legali contro alcuni giornalisti, non lo avevo mai fatto prima. Nemmeno in presenza di affermazioni evidentemente diffamatorie. Ma credo che sia ormai necessario farlo perché sulla verità dei fatti si pronunci un tribunale in nome della legge. Perché la legge è uguale per tutti, davvero. Vi terrò informati, passo dopo passo».
Lunedì 4 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 05-12-2017 22:08

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2017-12-05 15:19:20
A sbagliare è stato De Bortoli. Ed è grave da parte di un giornalista serio confondere lo stato di persona indagata con lo stato di persona rinviata a giudizio o addirittura imputata. Mi pare che siano tanti, a giudicare dalla lettura dei post, ad incorrere in questo errore. E direi fra l'altro che ,salvo errori od omissioni, la Maria Elena Boschi, fino a prova contraria, abbia l'unica colpa di avere un padre indagato. Mi sembra pochino per invocare la forca, anche se molti pentastellati ne erigerebbero una per ciascuno che non condivida le loro opinioni.
2017-12-05 15:08:07
Cara Maria Elena, non so se l'obbiettivo è il PD o il PD DI RENZI. Di fatto una cosa è certa, nella banca menzionata c'è IL TUO di papà, non quello di Grasso
2017-12-05 14:30:36
La Boschi ha fatto decadere il termine per la querela. Il suo legale l'avrà informata che chi perde la querela rischia la denuncia per DIFFAMAZIONE. In "cambio", aziona un procedimento civile per risarcimento danni!!! Proprio quello che viene negato ai risparmiatori. Piuttosto, la Boschi avrebbe dovuto dimettersi quando ha mentito davanti al Parlamento! Inoltre, suo padre è indagato per false informazioni ai risparmiatori sulle obbligazioni (fake news). Alla fine delle indagini (salvo prescrizioni!) il fascicolo sarà nelle mani del Dott.Rossi (già sentito in Commissione Parlamentare)? Nel 2015 detto magistrato è stato consulente di Renzi e non dico altro.
2017-12-05 14:23:37
la domanda che si posero all' inizio dell'n era Renzi : " potranno amministratori di medie città ( Renzi e Del Rio ) uniti ad una giovane legale, mettere mano alla Costituzione e portare ordine a tante cosette, tipo le banche ?" ... ancora si aspetta una risposta positiva mentre chi era consulente di governo ora indaga su eventuali errori di parenti dei datori dell' incarico...
2017-12-05 14:11:26
per sentito, pare che i Bond fossero troppo appetibili, per questo molti non li hanno voluti comunque √® in corso una class action, ho frequentato quelli uffici per altro e sempre per la cronaca ho vinto e sono stata risarcita, era una compagnia telefonica bandone che dopo avermi lasciata senza telefono per pi√Ļ di 3 mesi, aveva persino avuto il coraggio di emettere fattura da cui dopo aver recuperato il numero di migrazione negatomi al call center ho effettuato il recesso, prontamente mi √® arrivata una penale di 500 euro per recesso anticipato, ma non essendo mai stata attivata... li hanno presi nei denti e ho ottenuto pure il rimborso, ma tanti pagano ed √® sbagliato, ci sono ottimi avvocati alla confesercenti, approfittatene! Per Etruria, glielo auguro!!!
18
  • 345
QUICKMAP