Caos regionarie M5S/ Democrazia diretta? Senza trasparenza

di Carlo Nordio
La sospensione delle “Regionarie” siciliane, imposta dal tribunale di Palermo al Movimento 5 Stelle, conferma ancora una volta l’assunto del filosofo che il destino segue spesso percorsi contrari alla volontà del singolo, che la pietra lanciata dall’uomo appartiene al diavolo, e che, come insegna più modestamente il proverbio, dove non vuoi andare il demonio ti fa correre. L’intervento del giudice accoglie infatti il ricorso di un candidato.  Si tratta di un candidato escluso dalle liste on...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-13 23:58:47
Conferma che ancora una volta c'è gente che non capisce nulla di politica. Ma quando mai si è visto che i candidati alle politiche li decidono i giudici con RIDICOLI ricorsi tipo quello demenziale di genova. Infatti la cassimatis si è presentata con una sua lista e ha presto l'1% contro il 18% det candidato ufficiale del M5s
QUICKMAP