seguici su Google+ RSS
Venerdì 29 Agosto - agg.7:30
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Berlusconi show a "Porta a Porta":
mi candido perché avete bisogno di me

«A che risultato punto?. Io punto al 40%». L'ex premier a Porta a Porta conferma la propria candidatura e avverte: «Tassi più bassi o usciamo dall'euro»

ROMA - Se continua così «aumenteranno qui 3 milioni di disoccupati, il governo dovrà aumentare le tasse e potremmo andare a finire, come è accaduto in Grecia, che è quasi una guerra civile». Per Silvio Berlusconi, Porta a Porta la trasmissione condotta da Bruno Vespa, è l’occasione per un’altra campagna elettorale. Durante la registrazione chiarisce subito: «Avete bisogno di me e quindi non mi astengo quando sento il dovere di prestare il soccorso a chi ha bisogno», risponde a Vespa che gli chiede subito se «è vero che si ripresenta».

Quando il giornalista gli chiede se pensa che gli italiani siano stanchi della politica e anche di lui precisa: «Lo dimostreranno con il voto adesso. Io ho avuto degli inviti pressanti a non lasciare che la situazione nel Paese che amo degradasse». «A che risultato punto? - aggiunge - Dipende dalle ore televisive che potrò avere. E io sono in credito. Io punto al 40% e avendo una montagna di argomenti che in Italia, oggi, non c'è alternativa alla nostra».

E poi assicura. «Se Monti sciogliesse il dubbio e dicesse di essere disposto a fare il candidato premier di tutti i moderati io farei un passo indietro da candidato premier e sarei felicissimo. Lui avrebbe sotto di sé un Pdl che è sempre stato leale al governo tecnico e non gli ha mai votato contro». Ma poi aggiunge: «Ho offerto a Monti di essere federatore dei moderai, ma dopo quello che ha detto Casini si mette fine a questa possibilità. Non credo che a Monti convenga mettersi in un partito con Casini e Montezemolo, passerebbe da deus ex machina a piccolo protagonista della Repubblica». «Ora Monti ha tre possibilità. Può essere presidente della Repubblica se vincesse Bersani e si vorrebbe avere una copertura con l'Europa. Oppure potrebbe essere richiamato dal Capo dello Stato per salvare il paese se Bersani ne assumesse la guida portando l'Italia al disastro». E ancora, visto il peso che ha in Europa, può essere chiamato a fare il presidente della Commissione Ue».

Il fuorionda dalla D'Urso: «Poi mi domandi di...»

Poi sul voto spiega che la fretta è controproducente. «Il Pdl -dice il Cavaliere - ha chiesto di spostare le elezioni perchè tutta questa fretta è una forzatura inutile. Non la capisco infatti anche per la formazione delle liste elettorali»

«Monti al Ppe grazie a me». Ma Martens lo sbugiarda. Si apre anche un piccolo caso. «Sono stato io - dice Berlusconi a Vespa - a suggerire» di invitare Monti «ai colleghi del Ppe che temono che l'Italia possa andare a sinistra come è successo per la Francia, dove molti scappano perché le tasse sono aumentate». Parole che però vengono immediatamente smentite dal presidente del Ppe Wilfred Martens: «Nessuno mi ha chiesto di invitare Monti alla riunione del Ppe, è stata una mia iniziativa totalmente personale».

La replica di Berlusconi. Il presidente Martens «evidentemente non vuol fare vedere di essere stato influenzato da me. È una scusa per gli altri colleghi. Ne ho discusso con lo spagnolo Lopez». Replica Berlusconi alla smentita del presidente del Ppe Wilfried Martens.

Si parla anche di Lega.
«Io penso che la Lega sarà assolutamente insieme a noi nel rassemblement dei moderati - dice Berlusconi -. Prenderà questa decisione perché il contrario sarebbe un disastro per la Lega e per l'Italia. Non credo che ci possa essere un'altra decisione». Poi sottolinea: «Al tavolo del consiglio europeo, mi sono scontrato con la Germania. A quel tavolo io ero l'unico venuto dal mondo dal lavoro, gli altri erano venuti dal mondo della politica o sindacalisti».

Berlusconi e la Pascale, parla Fede: «Insieme da due anni. E Marina la adora»

Rischiamo di uscire dall'euro. «Se la Germania non si convince che la Bce deve fare la Banca centrale a tutti gli effetti, se non si abbassano i tassi e se non possiamo trovare il denaro saremmo costretti anche se è un danno per l'Eurozona, a uscire dall'euro e a tornare alla nostra moneta per essere competitivi», ha quindi aggiunto, ribadendo: «Nel novembre del 2011 si sono verificate delle vicinanze di interesse per cui si è realizzato quell'imbroglio dello spread che è stato preso da tutti per uno cosa drammatico. nessuno sapeva cosa fosse».

Scontro con il direttore dell'Unità.
«Lei sta raccontando delle favole. La sua è la lettura della sinistra che ha dato vita a quella congiura che si è creata contro di noi. Quando si dice che l'Italia era sull'orlo della crisi e che non poteva pagare è falso. Un tasso più alto del 2% sul debito portava a meno di 5 miliardi» di spese in più, si rivolge poi Silvio Berlusconi a Claudio Sardo, direttore dell'Unità.

«Aboliremo l'Imu. Secondo i nostri calcoli» dall'Imu arrivano «3,8 mln di Euro» così coperti: «1,8 mld reperiti con una tassa dai giochi pubblici; 1 mld con aumento dell'accisa sui tabacchi lavorati; 241,2 mln con l'aumento delle imposte sulla produzione di birra e prodotti alcolici; 500 mln su riordino dei trasferimenti alle imprese; 258,8 mln come addizionali sui diritti di imbarco, ovvero con 4 euro a passeggero». «Il nostro è un convincimento profondo - aggiunge Berlusconi - La casa è sacra non si tocca. È un pilastro per ogni famiglia che vuole costruirsi un futuro». Una tassa di un miliardo e 800 milioni sui giochi e di un miliardo di lire sui tabacchi lavorati. Sono alcuni dei prelievi fiscali proposti da Silvio Berlusconi per recuperare il mancato gettito dell'Imu.

Vita privata. «Con Veronica andremo a un divorzio consensuale. Ormai abbiamo avviato un percorso n tal senso». Risponde così Silvio Berlusconi a chi gli chiede se divorzierà dalla sua seconda moglie Veronica Lario. Il Cavaliere spiega di avere «ottimi rapporti con la prima e seconda moglie. Siamo una grande famiglia e ci vogliamo molto bene». «Non facciamo della facile ironia, mi consenta. Le giovani "deputatesse" sono in cima alla classifica per la presenza di voti in Aula e nelle commissioni», risponde poi a Vespa che gli chiede se «il 10% di deputati che sarà riconfermato riguarda solo le giovani deputate».

Lo show a Canale 5: «Tra me e Francesca 49 anni di differenza»

Martedì 18 Dicembre 2012 - 19:38
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Previsioni meteo, arriva il ciclone Elettra: dal 1° settembre sconvolgerà l'estate

Dal primo settembre inizia l'autunno, almeno quello meteorologico secondo Antonio Sanò,...

Samsung, arriva il nuovo smartwatch Gear S: avrà la scheda Sim per telefonare anche senza cellulare

Samsung non ha atteso i riflettori dell'Ifa di Berlino per mostrare in anteprima il Gear S, il nuovo...

Napolitano incontra Renzi: fare bene ma con calma

Da sempre Giorgio Napolitano spinge affinchè siamo approvate le riforme che servono all'Italia,...

Ha il collo più lungo del normale: l'inferno del 15enne con tre vertebre in più

Fu Wengui ha 15 anni, vive a Pechino e, come tutti gli adolescenti, vorrebbe una vita normale.

Renzi: su riforme andiamo avanti, ma slittano a settembre le misure sulla scuola

Reagisce con una risata al fotomontaggio dell'Economist che lo ritrae come un ragazzino con il gelato...

CASA
Semplificazione amministrativa per pensioni ex Inpdap e ex Enpals
Procedure unificate, sistemi di pagamento allineati a quelli Inps
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009