Renzi: scissione decisa da tempo: «Volevano farmi fuori»

di Nino Bertoloni Meli
Quel «fermatevi» agitato, gridato quasi, da Bersani suona come un «addio» alle orecchie di Renzi. Si dice «fermi tutti», va letto «scissione». «E' da tempo che la stanno preparando, non sono sorpreso», avrebbe sibilato Matteo il leader con i suoi, spiegando che lo sbocco della vittoria del No al referendum, secondo la ex minoranza ora sul punto di andarsene, erano le dimissioni del segretario con congresso immediato. Che infatti avevano chiesto, salvo poi pentirsene quando hanno...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 17 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:00
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2017-02-17 08:09:50
Non sei contento? Cosí potrai fondare il partito degli arroganti distruttori dell´Italia!!!
2017-02-17 08:39:23
Tutto il corso storico dell'umanità avviene in senso unicamente progressista. Molte conquiste, oggi scontate, quali il suffragio universale; la parità di genere; l'abolizione della schiavitù, della pena di morte e della tortura; la libertà di opinione; fino alle le unioni tra persone dello stesso sesso, furono per prime sostenute dai progressisti di allora, contro la cultura comune di quel tempo che invece non le considerava giuste. Quei progressisti furono considerati visionari, illusi, ideologi deliranti. Eppure i fatti hanno dato loro ragione. Ma ciò non è avvenuto subito come costoro avrebbero voluto; è stato necessario che l'Umanità acquisisse consapevolezza di quelle idee e ne maturasse il consenso. Il cammino di quelle conquiste non è stato né facile, né breve; molti dei sostenitori di quelle idee sono morti prima di vederle realizzate, alcuni sono morti proprio per esse. Anche oggi, non dovrebbe esserci dubbio sul fatto che le idee di ultra sinistra un giorno troveranno affermazione; quando la società sarà pronta. Questa consapevolezza deve pervadere per primi i progressisti, tutti. Quelli di centro sinistra, nel considerare l'importanza, per la loro azione politica corrente, di avere a fianco i sostenitori di idee ultraprogressiste alla stregua di un faro, di una stella polare, per elaborare una cultura del futuro del partito. Gli ultraprogressisti dal canto loro debbono essere consapevoli di questo loro ruolo di guida della cultura di sinistra, tenendo però presente che questa per affermarsi deve attendere il consenso della società. Non dovrebbero dimenticare mai che la politica è l'arte del possibile e che chi non ha saputo attendere, chi ha voluto premere sull'acceleratore della storia, altro acceleratore non si è trovato a premere che quello di un carro armato.
2017-02-17 08:50:32
Renzi ancora non hai capito che hai rotto le scatole. HAI DETTO CHE LASCIAVI LA POLITICA INVECE!? Ora pensa a te e tuo padre che è indagato, falla finita .
2017-02-17 08:56:06
Egoismo inaudito ! Distruggere il partito di maggioranza per l'ambizione di riprendersi la poltrona di Primo Ministro e tornare uomo solo al comando. Si, si, e' proprio un Democratico !!
2017-02-17 09:02:14
L'Italia e' ostaggio delle famiglie Renzi e Boschi. Forse per questo Curzio Malaparte diceva " maledetti Toscani ! " ???
18
  • 545
QUICKMAP