Renzi: scissione decisa da tempo: «Volevano farmi fuori»

di Nino Bertoloni Meli
Quel «fermatevi» agitato, gridato quasi, da Bersani suona come un «addio» alle orecchie di Renzi. Si dice «fermi tutti», va letto «scissione». «E' da tempo che la stanno preparando, non sono sorpreso», avrebbe sibilato Matteo il leader con i suoi, spiegando che lo sbocco della vittoria del No al referendum, secondo la ex minoranza ora sul punto di andarsene, erano le dimissioni del segretario con congresso immediato. Che infatti avevano chiesto, salvo poi pentirsene quando hanno...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 17 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:00
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2017-02-17 12:59:28
e' da 70 anni e passa e a seconda delle loro personali convenienze che scissano come se nulla fosse e senza alcuna vergogna da un partito all'altro. Questi "onorevoli", non leali personaggi, io li definisco non scissatori ma...perfetti traditori senza alcun vero ideale e programma per il solo benessere di tutti gli italiani, e questo avviene da ben 70 anni di "libere democratiche repubbliche del proprio tornaconto" che... ci hanno liberato da un male, il fascismo, e ne hanno creato un'altro 1000 volte peggiore. Tutti questi strani partiti che cambiano faccia da un giorno all'altro appaiono come quei cani randagi che si sbranano fra di loro per potersi impossessare dell'ultimo brandello di carne rimasto addosso agli italiani, infatti, hanno creato una miriade di poveri e disperati senza futuro e senza speranza. Inoltre, questi nostrani politici sono anche la causa maggiore della rovina e della divisione che regna fra la maggioranza degli italiani. Quindi, chi sgarra nel governare e amministrare questo "bel paese", per curarlo, rimane una sola soluzione, quella urgente del quirinale, che dovrebbe avere il potere e la lungimiranza di costringere i residenti del palazzo a dimittersi chi oltrepassa i limiti prestabiliti di una giusta rispettosa costituzione. Al momento, non abbiamo una giusta, coesa, democratica governabilita' dal palazzo, e direi... nemmeno da quello papale del quirinale.
2017-02-17 11:40:40
Nei paesi democratici il pendolo elettorale oscilla da una forza politica all'altra in funzione dei risultati "tangibili" per i cittadini. L'Italia è l'unico paese al mondo dove il pendolo è fermo da 60 anni e si spostano i partiti sotto a seconda delle loro convenienze ma dove comunque l'elettorato ragiona esclusivamente "a blocchi". Basta pensare che dal 1991 al 2007 l' ex PCI è passato da PDS, Ulivo,DS e varie altre frange prima di diventare PD. Adesso siamo ad un'altra fronda.
2017-02-17 11:00:14
Ma avendo perso, grazie a loro, la sovranità monetaria e fiscale, e con la politica fiscale bloccata dalla massa del debito, di cosa discutono? Nomine e spartizione del potere. Squallido.
2017-02-17 10:51:24
a, dimenticavo; nun ce vonno sta
2017-02-17 10:50:00
è meglio che vanno via loro (D'Alema, Bersani, Speranza) e qualche altro, tanto in 30 anni di politica guardate come è ridotta l'Italia; o siete contenti di questo?
18
  • 545
QUICKMAP