Venezuela, Maduro: assemblea costituente per riformare lo stato. L'opposizione: tenta il golpe

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha annunciato che ha deciso di convocare una «Assemblea Costituente del popolo», per riformare la struttura giuridica dello stato e «portare la pace al nostro Paese», una mossa già denunciata come golpista dall'opposizione.

Continuano intanto le proteste nella capitale Caracas contro il governo. Almeno 37 persone sono rimaste ferite
ieri durante una manifestazione dell'opposizione repressa dalla polizia con gas, proiettili di gomma e getti d'acqua, a Caracas. Lo hanno riferito le autorità municipali, dopo l'ennesima giornata di protesta contro il governo Maduro, per chiedere nuove elezioni. Le manifestazioni antigovernative si susseguono dall'inizio di aprile, con un bilancio di almeno 30 morti con centinaia di feriti e migliaia di persone fermate o arrestate. 

Sulla stampa online e i social network si moltiplicano testimonianze, foto e video dell'intervento delle forze dell'ordine nella zona di El Paraiso e sulla Avenida Victoria, nell'ovest della capitale. In tutta la città la polizia è molto presente, e le autorità hanno chiuso oltre 30 stazioni della metro, oltre ad avere organizzato numerosi posti di blocco. Il percorso della marcia di protesta si è concluso accanto alla sede della Corte Suprema e del Consiglio Nazionale Elettorale (Cne). 

«Non sto parlando di una Costituente dei partiti o delle elite, intendo dire una Costituente femminista, giovanile, studentesca, una Costituente indigena, ma anzitutto una Costituente profondamente operaia, decisamente operaia, che appartenga profondamente alle comune», ha annunciato Maduro in un comizio in occasione della tradizionale sfilata della Festa dei Lavoratori.

Julio Borges, presidente del Parlamento - in mano all'opposizione - ha già denunciato che questa iniziativa
equivarrebbe a «una Costituente truffa, inventata solo per distruggere la Costituzione attuale e cercare di fuggire così all'inesorabile verdetto delle elezioni» che il governo chavista ha ritardato o sospeso da quando ha perso la maggioranza nel Potere Legislativo, nel dicembre del 2015. 

Intanto Maduro ha varato il terzo aumento del salario minimo nel corso dell'anno in Venezuela. Ad annunciare un incremento del 60% per tutti i lavoratori statali e per i pensionati è stato il presidente sempre in occasione del primo maggio. Il salario minimo è quindi fissato a 65.000 bolivares (moneta nazionale), pari al cambio ufficiale a circa 90 dollari. Intervenendo a reti unificate tv, Maduro ha precisato che l'incremento riguarda anche il bonus alimentare: «In questi tempi di guerra economica, ha precisato, siamo qui per custodire, di fatto quasi ogni mese, il salario e il bonus, la famiglia del lavoratore, dell'operaio, del professionista e delle persone umili».

La decisione è stata presa in mezzo a una crisi economica devastante e all'ondata di proteste contro il chavismo
scattata, ormai quasi in forma ininterrotta, un mese fa. Nel discorso tv, Maduro si è poi riferito, come in altre occasioni, «al colpo di Stato permanente promosso dalla destra fascista», oltre a rendere noto, senza dare precisazioni, che il governo sta preparando «un nuovo scenario per porre fine a questo golpe perenne».


 
Martedì 2 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 03-05-2017 13:44

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-05-02 09:44:58
comunismo o socialismo reale che dir si voglia
2017-05-02 09:29:53
Paese martorizzato da sempre.
2017-05-02 09:28:19
L'eredità di Chavez.E c'è ancora chi crede nel comunismo.
2017-05-02 08:51:29
Il comunismo e socialismo "reale", la dove è stato applicato per anni, sta continuando a dare prova dei disastri che riesce a combinare. Si sveglieranno mai le belle anime addormentate, col cervello abbondantemente lavato, che parteggiano ancora oggi per quel tipo di ideologia marcia e putrefatta ?
2017-05-02 08:23:26
Una tragedie annunciata.
5
  • 84
QUICKMAP