Usa, rapita e costretta a infilarsi nel bagagliaio di un'auto: in un video la disperata fuga verso la libertà

di Federica Macagnone
Le ha puntato la pistola, le ha rubato il portafoglio e il cellulare e dopo l'ha costretta a infilarsi nel bagagliaio dell'automobile. Cosa sarebbe stato di lei se non fosse riuscita a scappare non è dato saperlo. È certo che durante il tragitto non si è mai persa d'animo, cercando in tutti i modi di riconquistare la strada della libertà. E così è stato.

Protagonista di questa esperienza drammatica è stata una 25enne di Birmingham, in Alabama: martedì sera, alle 22.30, la ragazza stava rientrando a casa quando un uomo le si è avvicinato con la fare minaccioso. In un primo momento le ha chiesto del denaro e quando lei ha detto di non averne le ha puntato contro una pistola. L'uomo le ha sfilato dalla borsa il portafoglio e il cellulare e, sotto minaccia armata, l'ha costretta a entrare nel bagagliaio di una Nissan Altima. Da quel momento, per lei, il buio e la paura di non farcela. Nonostante il panico, però, non ha mai perso la speranza e ha tentato di aprire il bagagliaio, mentre l'auto sfrecciava via portandola sempre più lontana da casa: gli investigatori hanno reso noto che l'uomo si è fermato in diversi bancomat per prelevare soldi dal conto della vittima.
 


L'ultima tappa è stata presso un distributore di benzina, dove l'uomo ha riscontrato alcune difficoltà a prelevare e si è rivolto a Yosef Alsabah, impiegato della stazione di servizio, per chiedere informazioni sul funzionamento del bancomat. «Ho notato che cercava di prelevare più soldi di quanti ce ne fossero sul conto - ha detto Alsabah - C'era qualcosa di sospetto. Poi ho notato la pistola in tasca e mi sono messo in allarme. Gli ho consigliato di tornare più tardi e di riprovare». L'uomo, a quel punto, si è messo di nuovo alla guida: stava per abbandonare l'area quando, come si vede nei filmati girati dalle telecamere di sicurezza, la ragazza è riuscita ad aprire il bagagliaio e si è lancia in strada dall'auto in corsa. In preda al panico, è entrata nel negozio dell'area di servizio chiedendo aiuto e ha imbracciato un fucile per tentare di fermare l'uomo che stava fuggendo. «Ho chiuso la porta a chiave e ho chiamato la polizia mentre tentavo di calmarla» ha raccontato Alsabah. La ragazza ha chiamato i familiari che l'hanno raggiunta e l'hanno portata in ospedale per curare alcuni tagli.

L'auto è stata ritrovata abbandonata mercoledì mattina. La polizia ha diffuso via Twitter l'immagine del sospettato, pubblicando un post in cui si rassicura la popolazione sul fatto che gli agenti stanno lavorando duramente per ritrovare l'uomo. Al momento, tuttavia, di lui non c'è alcuna traccia.

 
Sabato 18 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 19-03-2017 18:13

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 89
QUICKMAP